Non c’è davvero peggior sordo di chi non vuol sentire. Avevamo criticato il presidente Battisegola in merito alla convocazione ordinaria della seduta del consiglio comunale di Arienzo del giorno 25 di Luglio, in particolar modo al fatto che il tempo intercorso tra convocazione e seduta è stato di soli 3 giorni liberi, quando per legge e statuto la stessa deve essere di 5 giorni liberi e interi e cioè non va computato il giorno di convocazione e quello dell’adunanza. Quindi nel caso di specie il consiglio non doveva tenersi il giorno 25, ma il giorno dopo. Ma tanto sarebbe bastato a far saltare il consiglio comunale con i suoi importanti odg di tema economico se l’opposizione fosse stata più attenta. Il presidente ci aveva risposto che…