Giorno: 10 novembre 2017

SMAV: ADOTTA UN CANE RANDAGIO L’ANTICA NOVITA’ DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

cucciolo-di-cane-randagio

Queste sono delle cose che non capiamo mai fino in fondo. Un po’ perché siamo de coccio e un po’ perché tendiamo a dare per scontate delle cose quando soprattutto sono logiche.

Dunque il comune di Santa Maria a Vico attraverso pagina facebook e giornali si sta vantando per un progetto per l’adozione dei cani randagi denominato “Portami con te”.

Ora non stiamo qui a scrivere banalità sul fatto che è un qualcosa di encomiabile, ma il punto è: ma il progetto qual è?

Perché sembra che il comune abbia solo messo sul piatto un contributo che per ogni singolo cane adottato che sarà di 300€ e servirà a coprire le spese veterinarie e cose così con tanto di scontrini da mostrare. Il finanziamento però è facile da reperire in quanto si toglierebbero i soldi dal canile per il mantenimento del cane adottato. Quindi quando si dice che “l’amministrazione provvederà un contributo” si dice una mezza verità.

Lo ripetiamo oltre che un provvedimento “umano” ci guadagnano un po’ tutti, il canile che deve badare a una bestiola in meno, il cane che trova famiglia, l’uomo che trova un amico e l’amministrazione che risparmia un botto di soldi.

Ma questa era una cosa che doveva essere già prevista quando il regolamento è stato approvato ovvero a Luglio 2016! Ecco la logica di cui dicevamo, se fai un regolamento minimo devi prevedere le coperture finanziarie che questo comporta, ma ogni anno però.

Quindi se si vuole ricordare che esiste un modo per adottare i cani attraverso il canile comunale, ben venga. Altrimenti appunto non capiamo proprio che senso ha.

Ci siamo anche sorpresi nel notare come nessun riferimento sia stato fatto alla consigliera Pascarella che sempre è stata sensibile a questi argomenti e ci pare che fin dalla campagna elettorale ha sempre sostenuto questo tipo di iniziative e questa in particolar modo ci sembra sia stata sostenuta dalla consigliera una volta eletta.

Da parte nostra, vogliamo solo dire a chi ha intenzione di regalare un cucciolo in vista del Natale: non fatelo! I cuccioli non sono peluche ma essere viventi, che hanno bisogno di sostegno e cura, quindi si tratta di responsabilità, se vi sentite di essere responsabili nell’avere un animale per casa bene, altrimenti adottate un peluche!


Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


IMG-20170320-WA0006

 

hakuna matata

genesis
Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325

Immagine vendesi auto

 

Annunci

CERVINO MENSA: ACCETTATO UN ULTERIORE RIBASSO

MENSA_02

Parliamo ancora della mensa a Cervino in quanto in queste ore vi è una piccola novità che non è che poi cambia tanto ma è giusto darne risalto.

Dunque come si può leggere dalla determina è venuto fuori che su 11 inviti a ditte per il servizio di refezione scolastica solo una ha risposto e quindi ha vinto e cioè “La Gondola” che come si sa ha presentato un prezzo da 3,64€ e quindi con 22 ticket presunti, visto che non si sa ancora quanti saranno, ogni mese le famiglie pagheranno 80,08€.

Ma piccolo colpo di scena, alcune famiglie, non si sa quante e non si sa in che modo, quindi nemmeno se queste richieste sono state protocollate, hanno chiesto che fosse applicato un ulteriore ribasso.

Quindi ci sono a Cervino alcune famiglie che hanno fatto i paperoni dicendo che si accollavano la spesa, senza sapere quale, per intero riguardo la mensa, saputo il prezzo hanno provato a risparmiare sul mangiare e quindi sulla salute dei figli chiedendo al gestore un ribasso.

Gestore che come è scritto nella determina si è mostrato sensibile a queste richieste e quindi ha ritoccato il prezzo a 3,30€ + iva e quindi un prezzo finale di 3,43€ che sempre per un ticket di 22 porta la spesa delle famiglie a 75,46€ mensili.

Peccato che la determina, che incredibilmente manco fosse un romanzo, ci mostra lo stato d’animo del gestore, rappresentato come “sensibile” alle richieste ma nulla ci dice invece su quello di alcuni genitori, se erano arrabbiati, disperati, sconsolati ecc. Un vero peccato.

Speriamo di aver messo la parola fine a questa vicenda a tratti un po’ assurda.

determina mensa nuovo prezzo