nonno vigile

Non è una notizia nuova, eravamo indecisi se pungiglionare o meno su questo ma poi ci siamo detti chissenefrega.

Parliamo dunque dei Nonni Vigili. Una delle cose più inutili che vengono fatte a Santa Maria a Vico.

Attenzione a scanso di equivoci, anche se certamente ci sarà chi equivocherà, non siamo contrari al Nonno Vigile in sé, anzi, ma a come viene utilizzato a Santa Maria a Vico.

Li avete mai visti all’opera? Ci riferiamo ai genitori che vanno giornalmente a prendere i figli a scuola che certamente sanno di cosa stiamo parlando. Non fanno assolutamente nulla e se fanno qualcosa lo fanno pure male. Quando escono i bimbi da scuola è un marasma che dure giusto un 5 minuti, ma di incredibile confusione, soprattutto per la presenza di auto in ogni dove per prendere i fanciulli o di auto che si trovano a passare in quell’infausto momento. I Nonni Vigili dovrebbero essere una sicurezza nel far attraversare la strada ai ragazzi o meglio dovrebbero bloccare con un alt le auto, ma niente, mai abbiamo visto questo.

Però ecco magari siamo noi che facciamo sempre polemica, quindi stavolta ci affidiamo ai genitori, di quanto stiamo sbagliando?

Ora voi amministrazione comunale lo volete fare questo servizio, bene, ma assicuratevi che questi siano all’altezza del compito assegnato.

Sembra più un ammortizzatore sociale che non un servizio utile alla collettività per come viene svolto.

Sempre a scanso di equivoci noi siamo così propensi al Nonno Vigile che li vorremmo pure d’estate a “sorvegliare” le piazze e i parchi del paese, in modo che i ragazzini non siano vittima di bullismo o si facciano male.

Ma sempre però facendo questo servizio con tutti i crismi.

Passiamo al bando.

Innanzitutto si dice che è a titolo di volontariato e gratuito ma è previsto un rimborso spese. Se c’è un rimborso spese ci pare logico dire che non è gratuito e che quindi non si tratta di volontariato sic et sempliciter. Ora come può a Santa Maria a Vico esserci un rimborso spese? Mica stiamo a Roma o Milano o Napoli, città immense, enormi, che per spostarsi ci vuole effettivamente l’acquisto di un biglietto vuoi tram o bus per raggiungere il posto del servizio, quindi in quel caso ci può stare. Ma a Santa Maria?

Certo se ci si inventa la genialata che se un residente di Loreto-Mandre viene inviato ai Fruggieri per svolgere il servizio, e allora sì magari ci può pure stare. Ma se si fanno le cose con criterio davvero non capiamo che rimborso debba esserci.

Tra l’altro viene utilizzata una espressione particolare che speriamo in un refuso di “compenso forfettario giornaliero”, dovrebbe dirsi rimborso forfettario, di 7,50€ per 4 ore.

Allora onestamente ma perché 4 ore? Al massimo 1! una mezz’ora all’entrata e una all’uscita che senso ha impiegare tutto questo tempo? Mistero. Secondo noi se si valutano bene i tempi si può risparmiare qualcosa, sempre che si intenda il Nonno Vigile un servizio di volontariato e non un ammortizzatore sociale, nel secondo caso va bene così.

Abbiamo notato una cosa alquanto curiosa nel bando, non è previsto come requisito l’essere pensionato o senza lavoro.

Quindi potrebbe paradossalmente accadere che un Tizio di 65 anni e un lavoro che ha un ISEE pari a a 15.000€ ottenga un punteggio più altro di un Caio pensionato che abbia 66 anni con un ISEE di 7.000€!

Altra cosa curiosa e contraddittoria: nella delibera di giunta tra le motivazioni per istituire i Nonni Vigili vi è quella di valorizzare la terza età ebbene è curioso come il punteggio sia più basso proprio se si è in quella età, infatti si hanno 20 punti tra i 60 e 65 anni e 10 punti tra 66 e 75 anni.


Seguici pure su Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


IMG-20170320-WA0006 Realistic Oktoberfest Poster 02 Print

 

 

genesis

Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325

Immagine vendesi auto

Seguici pure su Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


 

 

 

 

Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325