sindaco

Sebbene le elezioni a San Felice a Cancello sono lontane, minimo cinque mesi, già cominciano i primi contatti i primi tentativi di alleanze e di “bruciare” qualche nome.

Ci si chiede poi, inevitabile non farlo, se Emilio Nuzzo -già sindaco- sarà della partita o meglio se potrà essere della partita.

Sì il dubbio è lecito, in quanto Emilio Nuzzo decadde dalla carica per una condanna inflitta nel 2012 a 1 anno e 6 mesi per un fatto accaduto nel 2006! La meravigliosa e soprattutto puntuale giustizia italiana.

Alcuni adombrano su Nuzzo lo spettro della legge Severino e quindi la incandidabilità.

Secondo noi invece la legge Severino non solo non si applica ma seppur si applicasse sarebbe superata.

Ci spieghiamo, ovviamente con la premessa che non siamo giuristi, quindi se qualcuno del campo ha rilievi da fare saremmo ben lieti di apprendere.

Dunque secondo noi non si applica la legge Severino in quanto essa si applica a coloro che sono stati condannati in via definitiva per un delitto non colposo non inferiore a due anni. Nuzzo certamente è stato condannato, certamente in via definitiva, ma la pena non raggiunge i due anni.

Non solo ma essendo l’elettorato passivo un diritto sancito dalla Costituzione, non può certo essere tale diritto sospeso o impedito all’infinito, quindi la durata temporale è quella del doppio della pena inflitta, ergo per Nuzzo sarebbero tre anni di incandidabilità a decorrere dalla data della sentenza definitiva, ma anche in questo caso il tempo è bello che passato.

Quindi non solo riteniamo che la Legge Severino non si applica ma riteniamo che -seppure fosse- oramai i tempi sono superati e quindi Emilio Nuzzo se vuole può scendere in campo per le elezioni comunali per la carica di Sindaco.


 

Immagine
CLICCA E NAVIGA IN http://www.ferramentagepa.it
hakuna matata
genesis

 

 

Immagine
al P.co De Lucia in Santa Maria a Vico (CE)