giunta_784_4222

In questi giorni un po’ convulsi per la giunta arienzana proviamo a fare un po’ di ordine, anche se dobbiamo dire che l’impresa è ardua.

Dunque partiamo da un dato certo: Revoca dell’assessorato di Letizia Maria Rosaria Morgillo. Fino a qua tutto bene. Il Sindaco revoca gli assessori, cambia deleghe, insomma è libero di fare un po’ come gli pare, il rapporto infatti è fiduciario. Proprio su questo rapporto fiduciario incrinato che pare poggiano le motivazioni di questa revoca. Infatti a leggere il decreto di revoca si legge che: Valutato il comportamento tenuto … che ha determinato il venir meno delle condizioni di fiduciarietà poste a fondamento dell’incarico. 

Ora le parole sono importanti e a maggior ragione se si tratta di un atto pubblico. Quindi si parla di un comportamento tenuto dall’ex assessore Morgillo, no dichiarazioni, no atti amministrativi, no omissioni … ma comportamento. Che avrà fatto mai? S’è seduta sulla sedia del sindaco? Ha raccontato una barzelletta che non faceva ridere?

Il decreto continua è sembra dare una spiegazione: Rilevato, in particolare … ha espresso in molteplici circostanze il proprio disagio rispetto ai numerosi della gestione amministrativa, in relazione a scelte fondamentali adottate dal sindaco e dalla maggioranza.

Quindi parrebbe che Morgillo si lamentasse in continuazione e con chiunque delle scelte compiute da sindaco e maggioranza, ma dove? In consiglio comunale non ci risulta, ai giornali nemmeno ci risulta una sua dichiarazione in dissenso, per scrupolo abbiamo controllato tutti gli atti della giunta in questo ultimo periodo pubblicati all’albo pretorio e non ci risulta una voce in dissenso. E allora? Forse si è lamentata al bar?

Ma lo stesso Davide Guida non è affatto chiaro. Infatti qualche giorno fa ha rilasciato questa dichiarazione a un giornale: Era poco operativa, visti i tanti impegni familiari. Nulla contro di lei però non era nelle condizioni di essere operativa per gestire un assessorato. La porta però resta aperta.

Ma come? E il comportamento? E il dissenso aperto e dichiarato? Messa così poi sembra qualcosa di concordato, e poi i troppi impegni familiari, la porta aperta, insomma sembra tutto normale. Allora dov’è la verità? Perché o il Sindaco Guida ha scritto un atto non conforme alla realtà o ha rilasciato una dichiarazione non conforme alla realtà. Tertium non datur.

L’incredibilità della cosa arriva dall’ormai ex-assessora. Infatti ci rivela Letizia Morgillo che il suo assessorato sarebbe finito a Giugno 2017, cioè tra sei mesi!

Cosa ha portato quest’accelerazione?

Facciamo delle ipotesi:

  1. Dare, attraverso un assessorato, un riconoscimento per almeno un consigliere con delega che si sta impegnando.
  2. Stoppare sul nascere, prima che sia evidente, un qualsiasi malumore all’interno della maggioranza.
  3.  Il pallone è mio è decido io chi gioca.

Per quanto la 3 ipotesi si possa avvicinare di più alla realtà -permetteteci il momento satirico- non abbiamo idea di quale possa essere l’ipotesi più accreditata e nemmeno se ve ne siano altre.

Una cosa è certa non possiamo parlare di crisi, perché nei fatti non c’è, ma di certo esiste un caso che può finire nelle prossime ore o ingigantirsi a dismisura. Il fatto comunque che un partito di maggioranza –Partito Democratico– voglia fare due chiacchiere con il sindaco e non solo per la questione giunta, mette in luce una piccola difficoltà dell’amministrazione Guida, niente di grave ma attesta che la luna di miele post elettorale è finita.

Nelle prossime 48 ore, forse meno, avremo la nuova assessora e pensiamo che sarà una scelta interna tra Cimmino, Crisci e Lettieri.

Noi facciamo un pronostico e puntiamo 1€ su Lettieri.


immaginegepa
CLICCA E NAVIGA IN http://www.ferramentagepa.it

Immagine

al P.co De Lucia in Santa Maria a Vico (CE)

hakuna matata
genesis
mercatini