Domani si ricomincia con le consultazioni del Presidente della Repubblica. Stavolta saranno un po’ più semplici in quanto Mattarella deve solo capire se il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico hanno trovato un’intesa.  Al momento sembrerebbe un gioco sui nomi e soprattutto sulla figura del Presidente del Consiglio in particolar modo su Giuseppe Conte. Il Partito Democratico non vuole Conte per ovvie ragioni, il nuovo governo deve essere di discontinuità con il precedente cannibalizzato da Salvini e Conte che ha sposato fino al penultimo giorno tutte le politiche salviniane non può rappresentare quella discontinuità invocata. Chiaro poi il nome deve essere un esponente dei 5 stelle essendo il gruppo più consistente e infatti è stato proposto dal Pd quello di Roberto Fico che…