Colpi di scena a non finire in questa concitata prima parte elettorale e siamo solo alla presentazione delle liste. Stavolta la doccia fredda l’ha subita Emilio Nuzzo. Infatti, pare che manchi una carta o qualcosa del genere che attesti la mancanza di cause di incandidabilità. Questo è uno degli elementi fondamentali pena appunto l’esclusione. Adesso Nuzzo e il suo gruppo ha fino a martedì 30 Aprile per contestare la decisione di esclusione davanti alla stessa commissione. Ma la vediamo dura. Emilio Nuzzo ha però rilasciato una dichiarazione dicendo di essere ricorso al Tar e che la commissione elettorale ha commesso un errore di valutazione. Una commissione che una cosa sola deve fare, composta da gente che fa questo in pratica sempre, ha commesso l’errore, certo…