Mese: dicembre 2018

PUNGIGLIONI D’ORO 2018

pungiglione d'orp

Il Time, uno dei più importanti settimanali al mondo, ogni anno dedica una delle sue copertine al personaggio dell’anno, ovvero a quella personalità, che nel bene o nel male, ha segnato o influenzato l’anno che va a concludersi, in verità non solo persone ma anche associazioni, nel 1982 addirittura fu scelta una macchina: il computer. Quest’anno la persona dell’anno per il Times sono i giornalisti “Guardiani” in particolar modo quei giornalisti che sono stati minacciati da regimi autoritari.

Noi abbiamo pensato di fare lo stesso nel nostro piccolo, pensando a singole persone o associazioni ognuna che si è distinta nella sua categoria, nel bene o nel male, in quest’anno che oramai volge al termine.

Pungiglione d’oro, un premio assolutamente simbolico. Non vi sarà cerimonia, non verranno consegnati oggetti in oro, ma il premio oramai definito prestigioso, al massimo potrà essere inserito nel proprio curriculum vitae.

Le categorie rispecchiano i temi che questo blog tratta, ovvero politica e cultura, sono indicate tutte al maschile singolare.

Inoltre abbiamo pensato di far scegliere ai nostri lettori, attraverso un sondaggio, tra tutti i vincenti il premio Pungiglione d’oro, la persona dell’anno 2018 per Valle di Suessola.  Sondaggio che pubblicheremo dopodomani.

associazione vincenzovive.jpgAssociazione dell’anno: Vincenzo Vive. “Aiutare è la virtù dei ricchi di cuore! L’indifferenza è la scelta dei poveri!” Tante e variegate le iniziative in questi pochi anni di attività: Children’s day, Beach Volley, Pedalata Ecologica, Torneo di Calcio, Carnevale, Natale, Beneficenza … e sicuramente ci sfuggono molte altre cose. Tutto senza scopo di lucro nel ricordo di Vincenzo Papa.

veronica-biondo-640x811Assessore dell’anno: Veronica Biondo. Era l’Ottobre 2014 quando Alfonso Piscitelli elevò al rango di assessore la Biondo che all’epoca era anche l’unica donna in consiglio comunale per la maggioranza. Da allora sono passati 48 mesi ininterrotti di permanenza in giunta. Oltre questo mettiamoci anche che la Biondo è la vera anima della Settimana dello Sport, riuscita manifestazione cittadina oramai un classico dell’estate, mettiamoci poi anche che è stata punto di riferimento -e lo è ancora- per quanto riguarda le politiche sociali.

agostino morgilloCittadino Attivo dell’anno: Agostino MorgilloNon ci sarebbe nemmeno da scrivere perché, ma giusto per quei due o tre che non lo conoscono. Persona attiva in politica e nel sociale. Sempre dalla parte di più deboli e degli ultimi, sempre un punto di riferimento per i cittadini santamariani. Presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia di Caserta, minacciato con vigliacca lettera anonima che non ha scalfito semmai rafforzato la sua voglia di fare.

Pascarella-carmineConsigliere Maggioranza dell’anno: Carmine Pascarella. E’ il secondo anno consecutivo che lo affidiamo a Pascarella questo premio, ma inevitabile. La sua entrata in consiglio portò uno scossone non da poco. Ha mandato a casa il “suo” sindaco e questo non è mai operazione semplice. Pascarella è certamente ambizioso e a noi gli ambiziosi piacciono.


danilo di ceccoConsigliere Opposizione: Danilo di Cecco.
Il giovane avvocato santamariano abbiamo imparato ad apprezzarlo, i suoi interventi in consiglio comunali sono pacati, forse troppo, e spesso sollevano problematiche interessanti. Da segnalare certi passaggi come il caso della donazione di parte del complesso aragonese e quella su acqua campania. Spesso ci ha visto lungo. Peccato sia poco seguito dal resto dell’opposizione.

arminioEconomia: ArminioE’ questo un premio un po’ particolare anche perché esula da ciò che si fa durante l’anno. Merita secondo noi questo premio Arminio di Santa Maria a Vico, per la capacità che ha di rinnovarsi continuamente, mettersi in gioco e per la voglia di sperimentare le sue creazioni, vere e proprie prelibatezze. Soprattutto in Valle di Suessola Arminio è quasi diventato sinonimo di Pistacchio, qualsiasi gelato, panettone, crema creata da Arminio abbia questo prezioso ingrediente è una prelibatezza.

michele vozzella.jpgEducatore dell’anno: Michele VozzellaAbbiamo scelto questo insegnante di sostegno dello Bachelet-Majorana di Santa Maria a Vico in quanto simbolo di quegli insegnanti che appuntano insegnano, non si arrendono, non sono distributori automatici di voti o peggio giudicatori seriali. Echeggia ancora nella nostra memoria il momento dell’esame per il diploma di Francesco Criscuolo seguito per ben 7 anni da questo vero insegnante.

torneo delle regioni.jpgEvento dell’anno: Torneo delle RegioniBellissima manifestazione organizzata dalla Federazione Italiana Sport Paraolimpici degli Intellettivo Relazionali in collaborazione con l’amministrazione comunale di Santa Maria a Vico. Trattasi di una manifestazione sportiva giunta alla V edizione per atleti di calcio a 5 con sindrome di down, evento che serve molto ai selezionatori della nazionale per scegliere anche i prossimi rappresentanti per gli europei.

SMAVPersonaggio Musicale/Spettacolo dell’anno: SMAV. Stavolta abbiamo deciso di affidare questo premio non ad un cantante o gruppo in particolare, ma ad un locale che in questi anni sta rappresentando un punto di riferimento nel panorama musicale. Tanti gli artisti che si sono esibiti conosciuti o meno, ma tutti accomunati dalla capacità di realizzare ottima musica con lo SMAV a fare da cassa di risonanza. Ricordiamo qualche artista, scusandoci per tutta la marea che dimenticheremo: Foja, TheRivati, Kutso, Nicola Caso, Marlene Kuntz, Stato Sociale, Cristina Donà, Ermal Meta, The Zen Circus, Coez ecc. ecc. ecc.

fabio campagnuoloPersonaggio della Cultura dell’anno: Fabio CampagnuoloL’architetto oltre a distinguersi per la sua attività professionale, è sempre in prima linea nella diffusione della cultura locale e non sono mancate iniziative in tal senso in questi anni, da segnalare certamente Muratterra, la divulgazione della figura del grande attore Giacomo Furia, il premio La Mia Appia.

IADARESTAPresidente del Consiglio Comunale dell’anno: Pasquale IadarestaDiciamo che al momento ci sta piacendo molto come sta interpretando questo ruolo, duro quando serve, permissivo quando serve, poi finalmente si conoscono i risultati delle votazioni che non è cosa da poco. Se riesce a mettere pure mano allo statuto con qualche modifica allora sarebbe perfetto.

PIROZZISindaco dell’anno: Andrea PirozziDopo un 2017 alquanto difficile il sindaco di Santa Maria è riuscito a ricompattare la sua maggioranza che sembrava sfaldarsi, ha accontentato gli scontenti con un efficace turn over, ha pure ammaliato qualche esponente dell’opposizione. Mettiamoci anche alcuni finanziamenti ottenuti davvero importanti.

 

pietro terracciano.jpg

Sportivo dell’anno: Pietro TerraccianoCalciatore nel ruolo di portiere in forza all’Empoli. Bravo nelle uscite e con i piedi con un fisico imponente. Certo ha anche avuto fortuna partendo titolare in Serie A per via degli infortuni e cessioni che hanno coinvolto i pari ruolo avanti a lui. Ma la fortuna aiuta gli audaci.


 

Annunci

SMAV: ULTIMO CONSIGLIO DELL’ANNO. SI ATTENDONO PAROLE CRISTALLINE DEL SINDACO SULL’EMERGENZA ACQUA.

MANCANO 48 ORE AL PUNGIGLIONE BLOG 2018


 

Consiglio-Comunale-1.png

Ultimo consiglio comunale dell’anno a Santa Maria a Vico come di consueto in questo periodo di feste, stavolta si terrà il 21 Dicembre alle 16 alla Giacomo Leopardi.

In genere un consiglio dove ci si fa gli auguri e si rimandano i lavori al prossimo anno.

Stavolta forse sarà leggermente diverso. Infatti, solo tre punti sono previsti, tra cui la recessione della convenzione tra i comuni di Santa Maria e Bucciano per la forma associata della Segreteria. Terzo e ultimo punto la localizzazione e riorganizzazione dell’area mercato in via sperimentale.

E’ il primo punto che sarà interessante e cioè: le comunicazioni del Sindaco. 

Vero è che è passato un mesetto, pure meno, dall’ultimo consiglio comunale, ma è pure vero che dopo il caso dell’ultima mancanza d’acqua forse il sindaco farà un qualche passaggio su questo punto.

Ma, caro lettore, giusto per aiutare la nostra memoria, ti ricordi queste dichiarazioni di qualche tempo fa?

07.04.2014 Alfonso Piscitelli: “Abbiamo messo in agenda questi lavori [secondo pozzo], per rifornire l’acquedotto in modo tale da soddisfare completamente la richiesta delle famiglie durante tutto l’anno. In estate, infatti, la carenza idrica era diventata una spiacevole emergenza”.

Tranquillo, è una spiacevole emergenza pure in Autunno, Inverno e Primavera.

14.06.2014 Pasquale Crisci: “Nonostante tutto stiamo cambiando la storia e soprattutto l’identità della nostra città … Risolte le annose problematiche della carenza idrica, che ciclicamente si presentavano, soprattutto  nei periodi più torridi.  Il secondo pozzo del Monticello  è  in esecuzione e  a breve termineranno i lavori.”

Ci scusiamo per il disagio.

26.05.2015 Andrea Pirozzi: “Il secondo pozzo  garantisce acqua a tutti”.

Quadro elettrico permettendo.

Sicuramente si dirà, speriamo di no, ah ma ci sono comuni del napoletano e casertano che l’acqua la tengono per qualche ora al giorno, o per pochi giorni la settimana e bla bla bla. Ecchissenefrega!?

 

SMAV: IL QUADRO ELETTRICO TRA I REGALI DI NATALE

auqdro elettrico.jpg

E’ mancata l’acqua nuovamente a Santa Maria a Vico, per poco tempo, ma a quanto pare il quadro elettrico ha deciso di partecipare alle tradizioni natalizie ricordandoci la sua delicatezza e quanto si senta solo che nessuno lo pensa in queste feste.

Tempo addietro, come molti ricorderanno, avevamo criticato il vice-sindaco Pasquale Crisci durante l’ultima problematica per la mancanza d’acqua (un mese fa?) per essere stato fin troppo precipitoso con i suoi post di informazione che dicevano che il tutto si era risolto in un oretta, quando poi si arrivò alla chiusura delle scuole. Ebbene in quell’occasione scrivemmo questo: Ma poi insomma, assessore, ma assessore, ma come le viene in mente di scrivere su Facebook che il tutto è stato risolto e situazione normalizzata in un oretta, cioè manco un’ora, assessore lei ha scritto un oretta!? Cioè na cosa e niente. Poi però le scuole si so dovute chiudere. Risolto cosa!? Ma com’è possibile ancora commettere questi errori da principianti. Bastava scrivere: guasto al quadro elettrico abbiamo immediatamente allertato il consorzio idrico si spera risolvino il problema nel più breve tempo possibile, vi terrò aggiornati. Ci arrivi da solo sul perché è meglio scrivere in questo modo. Cioè manco se questo problema dell’acqua fosse una novità.

Questo il comunicato che ieri è stato diramato dal comune:

In merito alla mancanza di acqua, comunichiamo alla cittadinanza che si è già provveduto ad allertare il Consorzio Idrico, unico gestore del servizio. Stiamo attendendo gli esiti delle verifiche degli addetti. Appena avremo notizie, le comunicheremo.

Il sindaco Andrea Pirozzi.

Ecco qua, non ci voleva molto. Bravi sindaco e addetto stampa. Certo però che il ci scusiamo per il disagio ci manca moltissimo.

Ciò non toglie però che questo problema dovrebbe essere messo in cima alle preoccupazioni dell’amministrazione, anche perché siamo nella settimana natalizia e non sia mai il quadro elettrico voglia regalare durante la vigilia un guasto rovinando la cena natalizia o peggio quella di fine anno, abbiamo l’impressione che i gilet gialli siano nulla al confronto della rabbia dei cittadini.

Siamo certi che il viaggio a Bruxelles non sia stato solo di piacere, ma si sia posto all’attenzione anche questo problema. Ma ci farebbe piacere -magari durante le comunicazioni dell’ultimo consiglio dell’anno- che il sindaco illustri alla cittadinanza un progetto, un piano, una richiesta di finanziamento, un qualcosa che possa risolvere questo problema.


 

ARIENZO: IMPORTANTE FINANZIAMENTO OTTENUTO. MA TIENE BANCO IL TOTO ASSESSORE.

MANCANO 96 ORE AL PUNGIGLIONE D’ORO 2018


 

foto_Comune_copertina_album_002

Comunicato

Con decreto dirigenziale regionale n. 67 del 13.12.2018 l’amministrazione comunale di Arienzo, guidata dal Sindaco Davide Guida, ha ottenuto un finanziamento, pari ad € 369.000, per l’adeguamento sismico del plesso Caudio da destinarsi a Centro Operativo Comunale di Protezione Civile.
E’ un grande risultato per l’ente comunale, dichiara il Sindaco, soprattutto, alla luce dei tanti sforzi che questa amministrazione sta attuando per la messa in sicurezza del territorio. Inoltre, il finanziamento è importante per riqualificare una struttura comunale, il plesso Caudio, abbandonata da diversi anni.
L’assessore delegato alla Protezione Civile avv. Maria Antonietta Cimmino, dichiara che questo finanziamento va ad aggiungersi ai  già realizzati progetti per la formazione del nucleo operativo comunale di Protezione Civile, che, tutt’oggi, lo rende pronto e preparato in caso di calamità naturali che dovessero colpire il territorio comunale.

Questo il comunicato arrivatoci per questo importante finanziamento.

Certo da dire che in queste ore è più il caso assessore a tenere banco. Infatti una indiscrezione giornalistica ieri aveva indicato in Mattia Vigliotti dell’U.G.A. la new entry in giunta. Quindi, un assessore esterno sebbene di una compagine che ha sostenuto la candidatura di Guida e possiamo dire, se fosse confermato, che la soluzione è di carattere politico e non tecnico.

Condizionale d’obbligo in quanto l’U.G.A. non ha smentito il giornalista, e nemmeno a dirla tutta l’amministrazione comunale, anche se ad onor del vero nemmeno ha confermato,

forse per il fine settimana ci sarà qualche notizia in merito. Vedremo se si tratta di uno scoop o  meno.

Una cosa è certa però c’è la volontà di non proseguire la “legislatura” con un pezzo mancante.


 

 

ITALIA: IMBECILLOCRAZIA

MANCANO 144 ORE AL PUNGIGLIONE D’ORO 2018


conte_braghe_calate.jpg

Siamo a meno di due settimane alla fine dell’anno e ancora non abbiamo una legge finanziaria. Non stiamo qui a dire quanto tutto questo sia assolutamente ridicolo e pericoloso.

Intanto i nostri cosiddetti sovranisti si sono ritirati con le braghe calate. Tutto un casino per sforare il rapporto deficit/pil al 2,4% per poi battere in rovinosa ritirata al 2,04% in un paio di mesi. La cosa che fa sorridere è la scelta di questo numero che qualche maligno, tra cui noi, pensa sia un modo per convincere gli imbecilli che non è cambiato nulla, giocando sul suono dei due numeri. Suono che sarà pure simile, ma la sostanza sono miliardi di differenza e per fare i galli sopra la monnezza il nostro fantastico trio ha bruciato miliardi su miliardi di euro.

Immaginiamo comunque la riunione europea che magari ci concedeva un 2,6% e Conte invece che chiedeva di abbassarlo al 2,4% altrimenti nel primo caso la gente magari se ne accorge.

Questo dal punto di vista finanziario.

Mettiamoci poi che questo è il Parlamento che sta lavorando meno nella storia repubblicana, non si arriva ai 60 giorni di lavoro, intanto lo stipendio rimane uguale e non ci pare vi sia una legge presentata dai grillini per abbattere questo costo.

Ma infondo il Parlamento a cosa serve? Tutt’al più è buono per farsi una sana scopata. Non a caso i deputati sono andati a festeggiare i sei mesi di legislatura in discoteca, parlamentari grillini ovviamente, così come degli scolaretti qualunque, ci aspettiamo tra cinque anni una qualche rivoluzione festosa tipo Mak Π 100 alla fine della legislatura.

Non si capisce cosa avessero da festeggiare visto che si era in pieno attentato di Strasburgo e il m5s sta perdendo consensi a tutta forza. Tanto che la ditta che controlla il Movimento 5 stelle, la Casaleggio associati, sta correndo ai ripari facendo ritornare Di Battista dalle vacanze e togliendo Grillo dalla naftalina.

Purtroppo però non sono edificanti le ultime notizie che riguardano la Di Battista family, pare che la ditta di famiglia -di cui il nostro eroe è socio- non paghi i lavoratori, sembra un qualcosa di già sentito, ma che hanno i grillini contro i lavoratori? Inoltre vi sono debiti non pagati nei confronti dello Stato. E il Di Battista padre, il fascista liberale, si permetteva pure in tempi recenti di minacciare il presidente della repubblica!

Questo dal punto di vista politico.

Mettiamoci pure il fatto che un signore per aver esposto un cartello con la scritta: Ama il prossimo tuo viene circondato da poliziotti e costretto ad andare in questura. Si era ad una manifestazione leghista nel giorno dell’Immacolata. Teniamo presente poi che il messaggio di cui sopra fa parte, o dovrebbe, delle radici cristiane ben più del presepio che i leghisiti e Salvini in particolar modo vuole difendere, non si capisce come a sto punto. Ama il prossimo tuo, un messaggio di oltre 2000 anni che ancora fa sentire la sua carica innovativa, ancora pone imbarazzi, ancora è spartiacque tra chi è cristiano a chiacchiere e chi lo è nei fatti, un messaggio pericoloso per chi lo pronuncia, un incubo per chi lo ascolta. Curioso che chi giura sul Vangelo e tiene il rosario in tasca non si sia pronunciato in merito ma abbia visto quel messaggio come sovversivo.

Mettiamoci tutto questo e siamo nel pieno dell’imbecillocrazia. 

BUONA CATASTROFE.


 

 

ARIENZO FA UN PACCO ALLA CAMORRA

Pacco_Alla_Camorra

16 Dicembre in Arienzo si terrà una festa che racconta 10 anni di follia in cui l’impossibile è diventato possibile.

L’incontro si terrà presso la sala consiliare alle ore 19.

Ricordiamo che il “pacco alla camorra” è un’iniziativa di 16 imprese , tra cui cooperative sociali, imprese che hanno denunciato il racket, associazioni ed il Comitato Don Peppe Diana. L’iniziativa intende promuovere una filiera produttiva etica partendo dalle attività sociali sorte proprio nei luoghi che una volta erano simboli di violenza e di sopraffazione e oggi, invece, sono rinati a nuova vita grazie alla collaborazione tra le istituzioni e tutte le realtà sociali del territorio.

Questo il comunicato inviatoci:

Anche quest’anno, nella sua decima edizione, l’amministrazione comunale, grazie all’associazione Libera, ha deciso di promuovere l’iniziativa “facciamo un pacco alla camorra” , il pacco dono natalizio con i prodotti provenienti dai beni confiscati. Il sindaco Davide Guida dichiara di essere sempre pronto e disponibile a sostenere questa iniziativa in quanto è dimostrato che attraverso il dei beni confiscati si può creare un nuovo modello di sviluppo sociale,economico e culturale, FACCIAMO UN PACCO ALLA CAMORRA, è una vera e propria rivoluzione che va sostenuta. Mette al centro di tutto l’idea di un vero e proprio riscatto del proprio territorio e coinvolge sempre più giovani creando anche fondamentali opportunità di lavoro a persone svantaggiate.