Oh ci stiamo arrivando! Piano piano ci stiamo arrivando! Vengono diffuse notizie sugli incivili!

Finalmente vengono pubblicati, seppur ancora in maniera scarna, alcune indicazioni riguardanti chi commette questi atti di inciviltà.

Quindi abbiamo le inziali nome e cogonome, o cognome e nome, e la residenza.

Le iniziali non servono a niente. Che sia B.C., M.L., Ms, a.D., a.C., ZZtop non ci interessa niente. Ai giudici dare le colpe, ai cittadini e noi capire e circoscrivere il fenomeno.

La residenza è un dato importante. Sarebbe interessante sapere se tali personaggi hanno mai ricevuto aiuti comunali di qualche tipo. Nel caso a nostro avviso, se amministrativamente e giuridicamente possibile, tali aiuti andrebbero revocati fino al pagamento del dovuto.

Sarebbe stato utile che fosse inserita l’età. Perché qua ogni duextre la colpa di tutto viene data ai giovani. Poi magari è pure vero, ma che almeno si abbia la contezza di questo.

Se esistono filmati questi vanno resi pubblici! Non c’è alcuna privacy che tenga e alcun segreto istruttorio cui appellarsi. Mostrare i filmati con la personcina che commette il misfatto indica alla popolazione che queste funzionano e sono attive e servono veramente. Per quanto sia odioso la pubblicazione comporta un deterrente.

Però siamo sulla buona strada. Ci aspettiamo di conoscere le iniziali e residenze di chi ha scassato la casa dell’acqua ad esempio e di chi si è reso colpevole di atti vandalici degli ultimi tempi.

Questo il post su fb Comune di Santa Maria a Vico – Ufficio Comunicazione | Facebook:

𝗖𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮𝗻𝗼 𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗼𝗹𝗹𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝗳𝗲𝗻𝗼𝗺𝗲𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝗮𝗯𝗯𝗮𝗻𝗱𝗼𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝗿𝗶𝗳𝗶𝘂𝘁𝗶

Grazie alla collaborazione dell’Ufficio ambiente, del Comando dei Vigili Urbani e al prezioso ausilio delle telecamere e delle fototrappole, solo nella giornata di ieri si è potuto procedere all’individuazione di 5 persone intente a compiere il reato di abbandono dei rifiuti.

Le suddette persone (B.C. residente in Arienzo; M.L. residente in S.Maria a Vico; P.A. residente in S.Maria a Vico; V.N. residente in Arienzo; M.L. residente in S.Maria a Vico) sono state quindi denunciate multate per i loro atti.

“Nonostante la raccolta differenziata ‘porta a porta’ sia perfettamente funzionante, c’è chi purtroppo continua a compiere atti incivili – dichiarano il Sindaco Andrea Pirozzi e l’Assessore all’ambiente Anna Cioffi – Ringraziamo l’Ufficio Ambiente, in particolar modo il Responsabile del Settore Ambiente Ing. Roberto Cuzzilla, nonché tutti gli operatori ecologici, che lavorano ogni giorno per mantenere il decoro della nostra cittadina, e il Comando dei Vigili Urbani”.

I controlli del territorio proseguiranno ininterrottamente per far si che la nostra Santa Maria a Vico resti pulita, nel rispetto dell’ambiente e della salute di tutti i cittadini.