Ritorniamo sulla “piazzetta” di Via Caudio in quanto, pare incredibile a dirsi, ma è in fase di ultimazione. Per la serie Dicette ‘o pappice vicino ‘a noce, damme ‘o tiempo ca te spertose.

Sta venendo fuori una cosa caruccia, anche se abbiamo delle perplessità, ma ne riparleremo quando sarà aperta finalmente al pubblico.

Una cosa che abbiamo notato, sebbene da lontano in quanto non si può accedere al sito, sono le due panchine letterarie, che sono pure dipinte a mano, almeno da quanto si legge dalla determina che pubblichiamo a piè pagina.

Sembrano molto carine e siamo riusciti a leggere, nonostante la cecità che avanza con l’avanzare dell’età, una frase che dice: Ama la lettura e otterrai la chiave della libertà. Una cosa così.

Siamo rimasti interdetti su alcune cose.

Sarebbe stato bello se il disegno da applicare alle panchine con la frase fosse stato scelto dalla cittadinanza. Insomma, chi ha scelto quel soggetto che ci pare alquanto impersonale e chi ha scelto quelle frasi? Perché proprio quelle?

Che poi pure la frase che siamo riusciti a malapena a leggere, per colpa nostra, non ci risulta sia una citazione, ma insomma una frase caruccia che ci sta bene, ma sarebbe stato più forte inserire una citazione di carattere analogo.

Comunque, l’idea di queste panchine è bella e infatti ci chiedevamo se non era il caso di comprerane subito una decina da “spargere” per tutto il comune visto che queste due sono un po’ nascoste. Poi abbiamo visto che le due panchine letterarie assieme costano un qualcosa più di 4.000€ e allora forse è meglio non proprio subito, ma se ne potrebbe acquistare una all’anno.

Magari però stavolta facendo scegliere alla cittadinanza immagine e citazione collegata.

Noi suggeriamo di applicare su una panchina proprio la frase del proverbio napoletano di cui sopra che forse almeno questa opera la si finisce.

Forse.

La determina per le due panchine letterarie