COMUNICATO

videosorv

“Esprimiamo solidarietà e preoccupazione a nome di tutta l’amministrazione per l’escalation di episodi di furto che si stanno verificando nel nostro Comune. Solidarietà umana e istituzionale nei confronti delle famiglie colpite”. Non si fanno attendere le dichiarazioni del sindaco Andrea Pirozzi e del vicesindaco Pasquale Crisci. “Santa Maria a Vico negli ultimi giorni è stata protagonista, suo malgrado, di numerosi furti in abitazioni e locali pubblici che hanno contribuito ad accrescere il livello di paura nei cittadini. Altissimo è il livello di guardia degli operatori di pubblica sicurezza e dell’amministrazione comunale.  A breve sarà installato un innovativo sistema di videosorveglianza Full HD, unico a riconoscimento facciale, dotato di due monitor collegati con la caserma dei CC e la Polizia Municipale, con i quali è possibile interagire attraverso un microfono. –  Lo annuncia l’assessore all’Ambiente Pasquale Crisci –  Abbiamo aspettato il bando della Regione Campania  per l’accesso al finanziamento che ci permette un sistema di videosorveglianza avanzato tecnologicamente, la sicurezza è una priorità assoluta ma, purtroppo, le casse comunali non ci avrebbero consentito un progetto per la sicurezza con queste caratteristiche, capace  di contrastare il fenomeno dei furti, dei reati ambientali e di garantire, pertanto, una maggiore sicurezza ai vari centri abitati”. “La sicurezza è al centro dell’attività amministrativa, per questo motivo – aggiunge il sindaco Andrea Pirozzi – è nostra priorità attivare ogni possibile misura per il contrasto del fenomeno. Alla precarietà economica che attraversiamo non si deve aggiungere anche la paura di non essere al sicuro. Abbiamo sentito il dovere di intervenire per dire ai cittadini che la sicurezza è una condizione da difendere con tutte le nostre energie, ma è necessario uno sforzo da parte di tutti: istituzioni, forze dell’ordine e società civile, bisogna denunciare e segnalare ogni forma di azione illegale. Senza ombra di dubbio possiamo confermare il massimo impegno delle Forze dell’Ordine per prevenire e tutelare i cittadini, nonostante l’esiguità delle unità disponibili. Chiediamo di rivedere le norme, invochiamo con fermezza la certezza della pena e tolleranza zero”.

Pure l’amministrazione se ne accorta e ne siamo lieti. Ma permetteteci un paio di considerazioni:

1 Che significa “a breve”? E’ questa unità di misura temporale un po’ vaga, un mese è breve per l’amministrazione? Forse un anno o due? Si può avere una tempistica seppur non certa almeno grossomodo? Per la precisione, a noi poco interessa se l’impianto sarà fatto a breve o lungo termine, importi che verrà fatto, ci fa piacere che l’amministrazione sia orientata nel farlo, invero già dal primo consiglio comunale fu prospettata tale volontà, ma almeno uno sa più o meno quanto ci vuole e ci si appacia un po’.

2. La precarietà economica. Allora vorremmo capire ma le casse di questo comune sono solide o fanno acqua? Pare che quando bisogna decantare le lodi dell’attività amministrativa si parla sempre dei milioni di euro in cassa ecc. ecc., quando poi si deve fare qualcosa sti soldi non solo non si possono prendere, ma l’amministrazione lamenta problemi economici. Ma il comune è ricco o è povero? E’ sempre un’ottima cosa riuscire a reperire fondi, vuoi regionali, vuoi nazionali o europei, ma a occhio e croce, ma questo impianto quanto costerà? E non ci riferiamo solo all’adesso ma pure nel futuro, in quanto purtroppo non sarebbe una novità avere un servizio di videosorveglianza per questo comune, semmai la novità sarebbe uno funzionante o che, meraviglia delle meraviglie, venga riparato quando si scassa.

Va bene abbiamo detto due considerazioni ma poi a scrivere e leggere ce ne venuta una terza:

Questo bando regionale è stato ottenuto oppure no? Ma e’ uscito questo bando?


Immagine Immagine inaugurazione pizzeria gourmetsesto senso