amministrazione-e-caspeCerto è che Santa Maria a Vico è un comune molto ma molto strano. Arriva un ambasciatore un po’ per fatti suoi non in modo istituzionale e giù con manifesti, incontro con i cittadini, la stampa e via dicendo, tutto giusto sia chiaro. Arriva un regista del cinema porno con tanto di pornodiva al seguito e via con manifesti”La Città …” saluta il Fellini della eiaculazione, ancora la “città” non ha preso le distanze. Arrivano due rappresentanti della città di Caspe gemellata con Santa Maria … il nulla. Non si sa nulla se no a cose fatte. Perché? Come mai questo incontro “clandestino”? Ovviamente alla prima domanda rispondiamo facilmente, ma il nostro lettore già lo sa: la comunicazione è allo zero assoluto. 

Quel poco che possiamo apprendere da questo incontro evidentemente istituzionale già organizzato da tempo, riteniamo curioso che due rappresentanti di una città si trovassero qui per caso, lo apprendiamo dalla pagina Facebook del comune, un comunicato che i vari giornali on line -o meglio replicatori di comunicati on line- hanno avuto la fortuna di ricevere.

Permetta il nostro lettore una rapida digressione in merito: noi i comunicati non li riceviamo, perché ritenuti non degni. Infatti quando ci capita di parlar bene di qualcuno, anche dell’amministrazione, siamo imparziali, facciamo critica costruttiva, siamo liberi, quando critichiamo qualcosa o un evento, siamo parziali, sappiamo solo criticare, siamo venduti al soldo ora di questo ora di quello.

Come detto quindi non sappiamo cosa siano detti se non dalla “voce” del comune stesso. Per carità si sono dette delle cose molto giuste del tipo non bisogna fermarsi alla visita annuale, lo avevamo detto pure noi questo, ma qualcuno s’è arrabbiato, ci fa piacere che la pensiamo allo stesso modo. E’ stato detto che bisogna valorizzare le eccellenze artigianali e del settore agroalimentare oltre ai rapporti di scambio interculturale. Onestamente a noi non risultano questi scambi interculturali, che attività si è mai fatta in tal senso? Per quanto riguarda il resto non capiamo, proprio a Caspe ogni anno si realizza quello che chiamano EXPOCASPE cioè una enorme fiera di prodotti agricoli, che se non sbagliamo gli amministratori santamariani in una delle tante “gite” hanno visto, non si può far in modo di far partecipare le nostre eccellenze agro-alimentari? Stiamo ancora a questo? A Caspe apprendiamo esiste una interessante mostra numismatica aragonese, magari si potrebbe organizzare con tutti i crismi di sicurezza del caso, una loro mostra qui a Santa Maria durante la festa dell’Assunta, un’idea che regaliamo.

Apprendiamo che verrà realizzato un tavolo tecnico con i sindaci dei comuni gemellati e un esponente della Comunità Europea, chi? così se ci sta uno libero che non tiene proprio niente da fare … Ma insomma stiamo ancora ai tavoli tecnici? Dopo anni di gemellaggio stiamo ancora alle chiacchiere, lo capiremmo se fossero i prodromi di un gemellaggio, ma evidentemente stiamo ancora in quella fase.

Ci si permetta un paio di considerazioni scherzose. Ci chiediamo se i due rappresentanti di Caspe abbiano avuto la fortuna di degustare il famoso piatto aragonese di Santa Maria a Vico quello famoso per eccellenza: il “mitico” piatto delle tre patate.

Visto il tipo di incontro clandestino dedichiamo all’amministrazione comunale il bellissimo video e canzone dei Manu Chau:

 

VOTA il sondaggio: https://pungiglioneblog.com/2016/11/04/referendum-costituzionale-il-nostro-sondaggio/


 

Immagine
al P.co De Lucia in Santa Maria a Vico (CE)
Immagine
CLICCA E NAVIGA IN http://www.ferramentagepa.it
hakuna matata
genesis
Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325