Per la prima volta in 77 anni di storia Miss Italia approda ad Arienzo, ieri sera incoronata Miss Equilibra Paola Malfi, 18 anni, che parteciperà di diritto alla prefinali di Jesolo e rappresenterà anche Arienzo e la Valle di Suessola.

Paola Malfi si è imposta su 32 partecipanti già vincitrici o piazzate dei vari concorsi provinciali. Comunque per le altre ragazze c’è ancora possibilità di approdare alla prefinale nazionale partecipando alle altre finali regionali in programma.

Abbiamo chiesto a fine concorso quali erano le sensazioni sul momento: Emozionatissima, non mi aspettavo nemmeno di essere tra le prime due, non me l’aspettavo. Tanti sacrifici soprattutto per le trasferte. paola malfi

Futura psicologa, si è diplomata da poco. Anche se il suo sogno è quello di continuare nel campo della moda, essendo appunto fotomodella.

Presenti all’evento oltre chiaramente all’amministrazione comunale di Arienzo, Vincenzo Crisci e Davide Guida erano anche in giuria, il presidente della provincia di Caserta, Angelo Di Costanzo, che ha premiato la vincitrice. Inoltre abbiamo notato la presenza del sindaco di Santa Maria a Vico Pirozzi e di Cervino De Lucia.

Un bellissimo momento ieri sera, preparato dall’Associazione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare, è stato a nostro avviso quando donne e uomini affetti da distrofia muscolare sono saliti sul palco nel momento denominato ModAbilità. Bello il momento sia per la sensibilità dimostrata sia per il fatto che si incastonava perfettamente nel senso del tema di ieri sera ovvero l’esaltazione della bellezza. Proprio le donne e gli uomini della UILDM hanno dimostrato con fatti che la bellezza è ovunque.

Il problema è stato tutto il resto.

Una noia terrificante. Tre lunghe ore di nulla cosmico contornato dal niente. Le ragazze che concorrevano per la fascia di Miss Equilibra dovevano essere le protagoniste, invece sono state relegate a pura tappezzeria. Abbiamo ascoltato canzoni su canzoni da cantanti certamente talentuosi, ma perfetti sconosciuti, che non hanno fatto da raccordo di vari momenti o a spezzare la monotonia,  ma anzi è stato il contrario, sono state le Miss a fare da contorno alla manifestazione, loro che dovevano essere protagoniste.

Con tutto il rispetto pure per le due ex miss presenti come la Santoro e la Bove, belle e brave per carità ed esempio del fatto che questi concorsi possono essere un trampolino di lancio verso traguardi più ambiti, ma hanno sfilato più loro che le miss in gara.

Quello che più ci ha fatto innervosire e non poco è stata la tizia che ha vinto il Grande Fratello. Non sei nessuno, hai solo vinto un reality che è un esempio trash di televisione, che per l’amor del cielo per inspiegabili motivi può aprire porte per cinema e televisione, ma che la tizia non ha varcato pare, arrivi pure in ritardo che è una mancanza di rispetto e professionalità, visto che stavi pure in giuria! Eppure di questa persona ieri abbiamo saputo tante cose, che è laureata che ha conosciuto l’amore della sua vita su Facebook, ieri pure presente sul palco di Arienzo, insomma un bel: “ma che ce ne fott”.

Le ragazze sempre sullo sfondo a fare da scenografia.

Anche il presentatore Erennio De Vita ci ha deluso non poco. E’ da sempre che presenta queste edizioni di Miss Italia a livello locale, ma ieri almeno è stato sempre sopra le righe, sembrava una prima donna, a tratti odioso.

Tre ore per queste ragazze in piedi, sui tacchi, immobili. Va tutto il nostro rispetto. A loro come detto è stato relegato un dieci secondi a testa per: Nome-Cognome-Età-Provenienza-Fascia conquistata-Stop. A loro doveva essere dato spazio. In quei brevi momenti era evidente che avevano voglia di voler dimostrare di essere qualcosa in più di un pezzo di carne con un bel sedere. C’è chi ha osato dire che la sua passione è il cinema, chi si stava laureando in beni culturali, insomma si poteva approfondire. Tre minuti per conoscerle meglio, tre minuti magari anche per i giudici per una valutazione migliore e scegliere davvero la più bella in ogni senso e ci sarebbe stato tutto il tempo lo stesso per le canzoni che non conosce nessuno e per cantanti che vogliono farsi notare, tempo a morire sarebbe rimasto pure per la storia d’amore della tizia del Grande Fratello che ha conosciuto un tizio su un social.

No, dieci secondi scarsi.

Un passaggio davanti ai giudici e finisce là. Il momento meraviglioso è stato quando una delle concorrenti ha “osato” rompere il protocollo e partire con un canto lirico, l’abbiamo apprezzata non tanto per il canto, anche se c’è sembrato notevole,  ma per voler imporre se stessa e ciò che le piace, un bel momento di ribellione che abbiamo apprezzato.

E’ un concorso che ieri ha denotato tutta la sua difficoltà e si vede pure a livello nazionale se in quattro anni gli ascolti televisivi sono calati da 5 milioni  a meno di 1 milione ci sarà un motivo!?

Un ringraziamento particolare al giornalista Giuseppe De Girolamo per le foto

Questo slideshow richiede JavaScript.


inaugurazione pizzeria gourmet Immagine sesto senso

 

Immagine genesis