Voucher-lavoro

Voucher lavoro parliamone un po’. Lo avevamo già fatto nel Novembre dello scorso anno quindi riproponiamo quel link che tanto non è che sia cambiato qualcosa da allora.

https://pungiglioneblog.com/2015/11/09/smav-buona-notizia-per-i-lavoratori/

Siccome abbiamo qualche domanda e qualche perplessità vogliamo sgombrare il campo subito da equivoci: è un’ottima cosa.

Lo ripetiamo che non si può mai sapere: è un’ottima cosa.

Bene ora passiamo alle domande e perplessità. Dunque ci avrebbe fatto piacere sapere com’è andata lo scorso anno, quanti sono stati i lavoratori impiegati e in cosa, quanti voucher sono stati “staccati” cose così giusto per avere un’idea. Certo questa è una di quelle iniziative assunte dalla regione Campania cui è buona cosa partecipare anche se poi non si iscrive nessun lavoratore, anzi la portata del provvedimento regionale può coinvolgere pure le scuole di ogni ordine e grado per esempio, in pratica qualsiasi ente pubblico.

Una cosa che non ci convince è la tempistica del provvedimento adottato dal comune di Santa Maria a Vico. Il decreto dirigenziale che dà il via al tutto  viene emanato dalla Regione il giorno 04.11.2016 questo viene pubblicato sul Burc -in parole povere l’albo pretorio della regione- il giorno 09.11.2016, la giunta comunale di Santa Maria a Vico si riunisce e delibera la cosa il giorno 14.11.2016 il provvedimento viene pubblico all’albo pretorio e quindi va a conoscenza di tutti il giorno 17.11.2016, termine ultimo per proporre la propria candidatura per il potenziale lavoratore il 22.11.2016 alle ore 12! 
Ora si capisce bene il ritardo e le difficoltà per un lavoratore nel essere nei tempi, la documentazione va consegnata a mano in busta chiusa, niente di impossibile ma di certo non agevole, tenendo conto che siccome gli uffici sono chiusi il week-end, i reali giorni per consegnare tutta la corposa documentazione con tanto di certificato medico è di soli 2 giorni e mezzo, ammesso che gli uffici oggi e lunedì siano pure aperti di pomeriggio altrimenti il tutto si riduce a 1 giorno e mezzo.

Troviamo curioso che l’assessorato di competenza non abbia messo a disposizione una casella di posta elettronica certificata (pec) se lo avesse fatto non ci sarebbero state queste nostre remore.

Altra cosa che non comprendiamo, ma qui siamo alla finezza amministrativa, è un richiamo al D.lgs.196/03 sul trattamento dei dati personali, siccome sono informazioni sensibili oltre l’isee come detto viene consegnato pure un certificato medico ci saremmo aspettati che il lavoratore fosse informato del fatto che i suoi dati personali saranno salvaguardati e utilizzati solo per il caso in questione, ma non abbiamo trovato questo riferimento.

Un’ultima cosa. Siccome la procedura per l’assegnazione di questi voucher è a sportello, in parole povere chi prima arriva con tutto in regola meglio alloggia, nel caso in cui Santa Maria a Vico fosse esclusa esiste un piano B? Cioè vi è comunque la possibilità di permettere ai soggetti lavoratori ex percettori di ammortizzatori sociali, che attualmente non percepiscono alcuna indennità di disoccupazione e/o di altro sostegno al reddito, di percepire un voucher a carattere comunale?


Immagine
al P.co De Lucia in Santa Maria a Vico (CE)
Immagine
CLICCA E NAVIGA IN http://www.ferramentagepa.it
hakuna matata
genesis