Pubblichiamo il comunicato appena inviatoci della consigliera comunale Signoriello che ci ha anche rivelato che questa è l’ultima volta che intende rispondere al gruppo di Città di Idee.

Questo il comunicato:

Ennesima buffonata del duo “Città di idee”, che non avendo avuto il coraggio di replicare alle mie affermazioni, hanno usato quattro pivellini, che giostrati dal burattinaio loro mentore, li ha esposti all’ennesima figuraccia.
Sono spiacente del malcontento delle vostre famiglie, ma come potete rivendicare di accordi presi se mi accusate di non essere stata presente in campagna elettorale. La realizzazione del “ sogno della mia vita “ sicuramente non lo devo dividere con pupazzetti a cui ho solo dato senza ricevere niente (visto che da solo andava girovagando in “bicicletta “ per lidi lontani). Il progetto politico, per espresso desiderio del candidato a sindaco, è fallito. Il suo disegno di sponsorizzare i suoi adepti non vi fa capire che vi sta solo usando per vomitare veleno e coprire i suoi fallimenti politici. Vi esorto ad un pubblico dibattito per parlare di cose serie: di un’opposizione scialba e inconcludente che usa il proprio ruolo politico (conferitogli anche dall’amministrazione di Santa Maria a Vico) per sponsorizzare suoi futuri amici politici di comuni vicini.
Non sono io che vi devo delle risposte, rivolgetevi, invece, anche al mio collega consigliere De Lucia, lui vi darà tutte le spiegazioni di come si va elemosinando preferenze nell’elettorato altrui.
Concludo affermando che questa è l’ultima volta che rispondo ad affermazioni pilotate da chi usa il proprio ruolo per ambizioni personali ma non per la sua comunità.
Clelia Signoriello.

Per completezza pubblichiamo anche il comunicato che ha suscitato tale reazione della consigliera:

Più di una volta abbiamo letto di qualche intervento della Consigliera Comunale Signoriello a sfavore di un gruppo che le ha permesso di esaudire il sogno della sua Vita.

Siamo sempre stati calmi e tranquilli perché a noi piace il progetto “Città di Idee” e lo stiamo portando avanti senza alcuna richiesta se non quella di poter contribuire alla crescita della nostra amata Santa Maria a Vico.

Ma alla luce dell’articolo uscito qualche giorno fa su qualche testata giornalistica on line, ci costringe a prendere parola e dire la verità dei fatti:

la Signoriello siede in consiglio comunale grazie a noi ed ha tradito il progetto un attimo dopo le elezioni chissà per quali accordi o altro.

La nostra campagna elettorale è stato motivo di crescita personale a cui stiamo dando seguito con varie attività sociali, culturali e sportive.

Leggere che la Signoriello rivendica i suoi voti è per noi un’offesa grave e soprattutto   lo è per le nostre famiglie che tanto si sono prodigate.

Al di là che in campagna elettorale non l’abbiamo mai vista, se non qualche volta, un suo parente abbastanza grosso è venuto a casa nostra a prendere in giro più volte i nostri genitori per farsi votare. Sappiamo bene tutti com’è il nostro sistema elettorale che permette di votare un maschio ed una donna.

Ebbene noi e le nostre famiglie con la nostra ingenuità abbiamo ottemperato agli accordi presi ma siamo stati presi in giro senza ricevere alcunché

Disponibili a qualsiasi confronto anche pubblico per rivendicare sempre la verità dei fatti.

Santa Maria a Vico 18 ago. 21

Luca Tonracco

Alessio Vigliotti

Vincenzo Carfora

Alfonso Russo