Dal comunicato stampa, emanato in Ognissanti, il sindaco Pirozzi e il capogruppo Ferrara hanno annunciato vi sarà un rimpasto che coinvolge la giunta e la seggiola del presidente del consiglio.

Non è ben chiaro il motivo per cui sembra che tutto avverrà in step, almeno due, ma potrebbero essere di più per avere il nuovo assetto amministrativo . Evidentemente vi è ancora qualche angolo da smussare.

Dunque chi sarà il prossimo presidente del consiglio comunale? Chi gli assessori?

Certo, Carmine De Lucia 73 non rinuncia certo alla sua seggiola più alta per passare a quella semplice di consigliere comunale, quindi, ci pare che sarà prossimo assessore.

Per la regola del fodero, chi non lo sapesse tale regola si intende che il merito conta solo in base ai voti presi e non alle qualità personali e titoli, per la serie se la spada prende 1 voto e il fodero 2, quest’ultimo va in guerra; dunque per tale regola non scritta i papabili a entrare sarebbero non in ordine: Grieco, Pascarella, Vigliotti. De Lucia già detto.

Questione rosa. Uscirà Cioffi, immaginiamo. In questo modo potrà entrare Vigliotti in quanto sarebbe un Rosciano per un Rosciano, visto che per altra regola non scritta, non è possibile avere due residenti di frazione nella stessa giunta, regola assurda, ma pure a questo si guarda. Quindi Pascarella entrerà al posto di Cioffi.

C’è la questione Biondo, che probabilmente non sarà toccata dal rimpasto in quanto vice-sindaco con, diciamocelo come direbbe il presidente del senato, una opzione per candidatura a sindaco per le prossime elezioni comunali. Ma potrebbe anche farlo un passo indietro per poi farne appunto due in avanti a fine mandato.

Quindi Grieco sarà indicato come presidente del consiglio comunale. Se avviene questo dobbiamo pensare che la presidenza del consiglio, anche questa volta, non sarà concertata con le opposizioni. Sarebbe comunque un evento storico in quanto Grieco sarebbe la prima eletta presidente del consiglio comunale donna non solo a Santa Maria, ma proprio in tutta Valle di Suessola, anche se non sarebbe la prima donna a presiedere l’assise.

C’è un’altra casella in verità che merita attenzione, cioè quello di Michele Nuzzo che è assessore esterno con delega al bilancio. In genere nei “rimpasti” l’assessore esterno è quello che viene segato subito. Posizione quella del bilancio che in questo momento di redazione degli stessi sarebbe opportuno non toccare, ma figuriamoci se si guardano ste cose in politica.

Attenzione questo è uno scenario, ma non è detto sia così lineare anche perché il fatto che si procede per step fa capire che è un po’ più complicata la questione.

Ad esempio, potrebbe non esserci il cambio Rosciano x Rosciano. Su questo poi sarebbe interessante capire i movimenti di Vigliotti che come si ricorderà abbandonò il gruppo telesiano per abbracciare quello pirozziano ma al momento ci pare uno scambio vantaggioso solo per una parte.

Potrebbe restare ancora Michele Nuzzo “esterno”, ma forse gli altri scalpiterebbero e intendiamo Moniello e l’altro Carmine De Lucia il 58 che vedrebbero ostacolato uno spiraglio per entrare.

Marcantonio Ferrara ci pare non proprio partecipe dei giochi e quindi immaginiamo resti capogruppo. Al massimo lo vediamo dentro in giunta come una sorta di paciere.

Gli scenari probabili potrebbero essere questi, dal più probabile al meno probabile

Primo scenario:

Grieco p.d.c.c.

Assessori: De Lucia 73 – Biondo vice – Pascarella – Vigliotti – Moniello o De Lucia 58?

Secondo scenario:

???? p.d.c.c.

Assessori: De Lucia 73 – Grieco – Pascarella – Vigliotti – Moniello o De Lucia 58?

Terzo scenario:

Grieco p.d.c.c.

Assessori: De Lucia 73 – Biondo vice – Cioffi – Moniello – De Lucia 58.

Quarto scenario:

Grieco p.d.c.c.

Assessori: Michele Nuzzo – Biondo vice – Cioffi – De Lucia 73 – Ferrara.

Chiaramente questo rimpasto qualunque sarà non è detto che sarà l’ultimo.