comunicato
 
La più fallimentare amministrazione di sempre con il record delle OPERE INCOMPIUTE e si continua a
parlare di finanziamenti ricevuti.
Sindaco ed Amministratori senza nessuna idea ma che si appropriano di quel poco che viene fatto da privati o associazioni.
Capaci di appropriarsi anche dei Santi…
L’unica nota lieta di questi amministratori è quella delle continue critiche mosse nei confronti del Sindaco
che poi diventano niente al cospetto di sua maestà.
Zero attributi.
Nell’ultimo consiglio comunale il Rag. Pirozzi asserì che avrebbe convocato d’urgenza un altro consiglio per una questione importante e dopo circa un mese niente di nuovo.
Un Sindaco capace di prendere in giro suoi amministratori e l’intera comunità…
E proprio parlando di comunità che noi Consiglieri comunali di minoranza chiediamo scusa all’intera
cittadina di San Felice a Cancello per le offese che il Sindaco PIrozzi in una manifestazione pubblica ha fatto loro, senza neanche chiedere scusa.
Arroganza?
Delirio di onnipotenza?  
Noi intanto chiediamo scusa e siamo consapevoli che la Città di San felice a Cancello merita tanto.
Non vorremmo parlare più dei lavori pubblici ma siamo costretti a farlo perché ancora oggi dopo tante
battaglie nessun cantiere vede la luce anzi constatiamo che la nostra nazionale senza vedere fine al lavoro, già viene rappezzata.
Assurdo.
Ma questo scempio non ancora ha toccato il fondo perché siccome questa amministrazione pensa che il
comune è casa propria ha iniziato a SPENDERE SOLDI DEI CITTADINI per comprare un quadro della modica cifra di 6.500,00 euro.
Siamo fuori da ogni logica in un periodo dove la maggior parte della gente non arriva nemmeno a metà
mese, questa amministrazione compra un quadro per impegni elettorali per farsi le foto.
Come sempre siamo attenti e vigili ma molto delusi perché se Santa Maria a Vico fino a poco tempo fa era un piccolo gioiello, oggi questa maggioranza non produce altro che foto ed inciuci facendo si che il tessuto industriale e commerciale muoia lentamente
 
I Consiglieri Comunali di Minoranza