Questo il post da poco pubblicato dal primo cittadino Andrea Pirozzi che risponde direttamente alle accuse ricevute:

In questi giorni la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo F. Gesuè di San Felice a Cancello ha innescato una polemica puerile e sterile su alcune presunte vicende che si sarebbero verificate nella serata inaugurale del POC cultura svoltasi in Piazza Roma sabato 25 giugno, stravolgendo completamente la verità.

In occasione del POC cultura finanziato dalla Regione Campania, e dove Santa Maria a Vico è comune capofila, sono stati invitati i ragazzi talentuosi dell’Istituto Comprensivo F. Gesuè di San Felice a Cancello a prendere parte alla serata inaugurale.

Prima dell’esibizione ho portato i saluti miei e dell’amministrazione ai ragazzi, ai docenti e alla DS, complimentandomi con loro per la loro partecipazione alle attività sociali che realizzano, in questo caso fomentando la cultura e la partecipazione.

In quell’occasione ho espresso la mia preoccupazione per l’attuale vacatio di governo cittadino con la gestione commissariale, specialmente in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando. Ho ribadito che le difficoltà di una città come San Felice le facciamo anche nostre, perché solo uniti la Valle di Suessola può portare avanti le istanze necessarie per lo sviluppo della comunità tutta.

La DS nei giorni successivi, attraverso un commento su un social, ha esternato una opinione che ha completamente travisato e mal interpretato le mie preoccupazioni dandole una valenza del tutto errata e fuorviante.

Chi mi conosce sa quale rapporto ho con San Felice e i suoi cittadini, rapporto di amicizia, stima e affetto che mi legano a questo comune da sempre.

Le progettualità che abbiamo messo in campo in questi anni, sono la prova tangibile del legame e del sostegno che stiamo attuando anche da comune limitrofo al fine di contribuire al rilancio di tutta la Valle, vedasi la progettazione per infrastrutture di interesse comune, sostegni con documenti ufficiali per il mantenimento e potenziamento dell’Ospedale di San Felice, mantenimento del Giudice di Pace unitamente al Comune di Arienzo . Queste sono solo alcune delle attività poste in campo dalla mia amministrazione, sono fatti concreti che dimostrano il nostro impegno e sostegno alla città di San Felice a Cancello.

Rimango convito che tutti i comuni della Valle debbano lavorare insieme e uniti per poter realizzare quello sviluppo che il nostro territorio merita.

Il sostegno, la vicinanza e la progettualità comune non mancheranno nemmeno per il futuro. Ribadisco che solo se lavoriamo tutti insieme, comunità, associazioni e istituzioni la Valle potrà crescere e garantire un migliore futuro per tutti.

In questa vicenda, ancora una volta la opposizione consiliare di Santa Maria a Vico non ha perso occasione per strumentalizzare una opinione del tutto priva di consistenza e senza verificare la verità dei fatti visto che proprio quella opposizione che parla in difesa della DS non era nemmeno presente alla serata inaugurale per poter fare commenti in merito. Addirittura se la prende con i santi e la chiesa, con il sentimento religioso popolare, che rappresentano la cultura e la storia del nostro paese, pur di cogliere un attimo di visibilità.

Noi continueremo incessantemente a lavorare per migliorare la vivibilità del paese unitamente alle associazioni, ai comitati, e a tutti coloro che vogliono contribuire alla crescita della nostra cittadina.

Voi che invece non sapete fare altro che innescare sterili e strumentali polemiche, avete perso un’altra occasione per dimostrare al vostro paese amore e rispetto.