Ma di cosa stiamo parlando!?

Finalmente, dopo un bel po’ di pressioni, è stata pagata l‘assicurazione per responsabilità civile ai 20 volontari della Protezione Civile.

Assicurazione scaduta l’01.05.21! Ma di che importi incredibili stiamo parlando? Ovviamente deve essere una cifra enorme, altrimenti non si spiega questo ritardo, un qualcosa a sei zeri che per le martoriate casse sanfeliciane è un peso troppo gravoso.

Ebbene, questa assicurazione è costata: 303,00€!

Mensili? No, annui!

Trecento fetentissime euro per un’assicurazione per proteggere venti persone che quindi sarebbero 15,15€ euro annui e che a dirla tutta sarebbero 1,27€ arrotondando annui a persona.

Lettere, solleciti, post su Fb, comunicati stampa e quanto altro per trecento fetentissime euro!

Noi siamo chiaramente contenti sia chiaro, il nostro disgusto sta nel fatto che ci sono forze politiche, che non rendendosi conto delle realtà delle cose, hanno attaccato l’amministrazione sanfeliciana per aver concesso in comodato d’uso il parcheggio di via Ponte Trave.

Proprio la difficoltà di ottemperare ad una banalità come l’assicurazione è una cartina tornasole di ciò che significa dissesto finanziario.

Dare in comodato quel parcheggio per cinque anni ad un altro ente con l’obbligo della manutenzione non è aver perso una partita a Risiko e non si può evitare assegnando i precettori del reddito. Chi dice queste cose a nostro avviso non ha la più pallida idea di cosa significa dissesto finanziario, che è un modo caruccio di dire bancarotta!

I soldi non ci stanno! Le cose, pochissime, che si stanno realizzando arrivano con la partecipazioni a bandi vari e non è mica semplice prendere i finanziamenti soprattutto per comuni sopra i 15 mila abitanti.

Le forze politiche che da quanto le elezioni ultime sono passate hanno litigato solo per le poltrone, nessuno che avesse portato una proposta una per alleviare questa situazione di disastro. Mettiamoci un sindaco debole in balia degli eventi e la frittata è bella e che servita.

Al prossimo consiglio comunale ci sarà davvero da farsi le risate.