Siamo noi sicuramente ad essere incapaci ne siamo certi, siamo molto meno tecnologici di quello che sembra pure se abbiamo un blog da anni, ma il nostro approccio alla tecnologia è più come chi si stupisce del magico che non dello scientifico.

Fatta questa premessa vorremmo chiedere all‘assessora all’istruzione Maiorino di far pubblicare alla home page del sito istituzionale del comune di San Felice a Cancello il costo e le eventuali esenzioni del ticket mensa!

Perché esiste un provvedimento che disciplina queste cosucce vero assessora?

Ah che poi noi ci rivolgiamo all’assessora Maiorino in quanto ci pare sia lei che abbia la delega all’istruzione, con tutti questi cambi di giunta ci siamo persi.

Noi con una certa difficoltà siamo riusciti a trovare che, se non abbiamo letto male, il costo del ticket mensa è di 3,25€ a pasto oltre iva al 4%, i pasti saranno distribuiti per un 5 giorni a settimana fino a tutto maggio. La ditta, noi ne demmo notizia tempo addietro, è la Global Service che fu l’unica a presentarsi.

Ora secondo il capitolato d’appalto all’art.9 si legge che: La tariffa a carico degli utenti sarà determinata da provvedimento amministrativo; la differenza tra il prezzo di aggiudicazione e la tariffa a carico degli utenti sarà a carico del Comune e finanziata con i fondi propri di Bilancio.

Ripetiamo: esiste un provvedimento amministrativo?

Ripetiamo e precisiamo: non per noi, ma per le famiglie, gli utenti del servizio, è possibile pubblicare sulla pagina home del sito istituzionale tale provvedimento e indicato in modo chiaro quale sia il costo del ticket e magari se vi sono possibilità di esezioni?

Lo chiediamo giusto perché lunedì inzia il servizio mensa, a metà Novembre! Quindi è possibile iscriversi on line anche se non essendo il provvedimento facilmente usufruibile non sappiamo manco fino a quando è possibile iscriversi.

Il solito disastro.

Assessora noi non chiediamo le sue dimissioni come per il suo omologo santamariano in quanto siamo dell’idea che tutta l’amministrazione sanfeliciana dovrebbe togliere il disturbo e dare voce ai cittadini.

Ah magari potrebbe venire in aiuto delle famiglie l‘assessore esterno alla propaganda.