Anche un orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno.

Sorprendentemente sembra quello che sia successo a San Felice a Cancello. Un’amministrazione ferma con continui cambi in giunta è riuscita comunque obtorto collo a ottenere du importanti risultati.

Il primo è la fine del dissesto finanziario.

Questo il post pubblicato su Fb:

Il 2022, grazie all’operato dell’amministrazione degli ultimi anni, porta il nostro comune ufficialmente alla fine di un lungo periodo buio: la fine del dissesto finanziario.Chiusa la fase di dissesto, l’Amministrazione comunale continuerà a lavorare intensamente con l’obiettivo di superare il difficile momento che stiamo attraversando a causa della pandemia da Covid-19, e di puntare al rilancio a partire dall’incremento della qualità e della quantità dei servizi erogati dal Comune.

Ci sfugge quale sia questo “operato” dell’amministrazione, più che altro sono passati i tempi tecnici del dissesto e ora in pratica si ha come un “nuovo” ente visto che il comune non può dichiarare fallimento. Purtroppo.

La seconda buona notizia è il finanziamento del Pnrr riguardante la rigenerazione urbana con ben tre progetti su quattro approvati per una somma complessiva di 1.300.000€!

Anche in questo caso abbiamo un post sempre pubblicato su fb:

L’anno nuovo si apre con una bellissima notizia: il Comune di San Felice a Cancello è vincitore di tre finanziamenti PNRR per la rigenerazione urbana, con un totale di fondi pari a 1.300.000,00 euro.

Attenzione però che questi fondi sono scaglionati nel tempo, l’ultima rata addirittura nel 2026. Le rate, chiamiamole così, sono erogate in pratica ogni trimestre e bisogna rispettare delle scadenze e se una non viene rispettata non si possono accedere agli altri.

Comunque nel complesso come detto due ottime notizie e si spera che le cose comincino a cambiare, anche se per cambiare non bastano i soldi, ma ci vorrebbe un’adeguata classe politica, per avere un’adeguata classe politica ci vorrebbero dei cittadini coscienziosi che sappiano dare valore al loro voto.