Non era certo questo il miglior periodo per il Ciuccio con la coda scorticata causa i numerosi infortuni affrontare una delle squadre più informa e che esprime un ottimo calcio in questa Serie A.

Eppure nonostante come detto gli infortuni e nonostante l’allenatore Spalletti fosse in tribuna per squalifica e un undici che non ha mai giocato assieme è una sconfitta che comunque dai tanti segnali positivi.

Inutile fare un analisi della partita a un giorno di distanza, ci limitiamo a farla con le nostre …

PAGELLE DEL PUNGIOGLIONE:

Ospina 6,5: reattivo in un paio di occasioni, forse non proprio brillante sul secondo gol.
Di Lorenzo 5,5: qualche problema di troppo sulla sua fascia
Rrahamani 4,5: No. Senza Koulibaly è completamente in bambola.
Jesus 4: gli avversari che se lo bevono in allegria.
Malcuit 7,5: ok a noi questo qui c’è sempre piaciuto, al tifosotto medio non tanto, meglio in fase di spinta che di difesa ma è una spina nel fianco dei bergamaschi.
Lobotka 6,5: fino a quanto è in campo c’è un idea di gioco chiara, poi esce per infortunio e il centrocampo diventa terra di conquista.
(Demme) 5: Non è ancora al meglio, fa poco e male.
Zielinski 6: caparbio sul gol, ma poi si spegne piano piano.
Rui 5,5: posizione inedita per il portoghese quale esterno di centrocampo, ma non proprio efficace e qualche responsabilità su un paio di gol orobici.
Lozano 5,5: si batte molto, ma sembra sempre arrivare un attimo in ritardo in tutte le azioni.
(Ounas) 5,5: non è che cambia molto.
Mertens 7: stato di forma strepitoso, bellissimo il gol del vantaggio.
(Petagna) 5,5: male, ci si aspettava qualcosa in più. Peccato per l’ultimo tiro che riesce a sparare sulla luna.
Elmas 5,5: mah, un calciatore in cerca d’autore, prova a cambiare posizione cercando di confondere gli avversari, ma pare confondere solo se stesso.

NOTA STATISTICA: 730esima sconfitta nella storia del Napoli in Serie A. Zielinski fa 30 gol e raggiunge Carnevale e Busani e diventa uno dei 25 migliori bomber nella storia del Napoli.