Anche se il campionato è finito non smettiamo di parlare del Napoli, ci prenderemo una pausa giusto per le partite della Nazionale agli Europei.

Dopo l’addio di Gattuso per la Fiorentina, il nuovo allenatore del Ciuccio sarà Luciano Spalletti un allenatore che ha sempre fatto bene ovunque sia stato.

Ma ritornando all’ormai ex tecnico calabrese, facciamo una sintesi in termini statistici della sua presenza sulla panchina azzurra, limitandoci alla Serie A.

Dunque Gennaro Gattuso si è seduto sulla panchina del Napoli per 61 volte, superando Vojak ponendosi quindi al 15° posto tra gli allenatori, dietro Reja a 65. Se traduciamo le panchine in giorni e tenendo conto che il contratto di Gattuso scadrà il 30 giugno ’21 significa che i giorni totalizzati alla guida del Napoli saranno 598. Quindi, nella storia del Napoli Gattuso sarà il 17° allenatore che più ha resistito ponendosi sopra Mattea fermo a 551 e appena dietro Boskov a 621.

Riguardo alle vittorie Gattuso ne ha totalizzate 37 ed è il 12° allenatore più vincente nella storia del Napoli piazzandosi davanti Bigon con 32 vittorie e appena dietro Marchesi con 38.

Con 118 punti della gestione Gattuso, il tecnico calabrese stavolta non supera Bigon a 120, ma si piazza davanti Ancelotti a 100, diventando il 13° allenatore che ha realizzato più punti.

La media punti partita è di 1.93 che lo pone al secondo posto nella storia del Napoli davanti ad Ottavio Bianchi a 1.90 e dietro all’inarrivabile Maurizio Sarri a 2.27!

Questi i freddi numeri che però sono indicativi di ciò che è stata la stagione di Gattuso al Napoli, mettiamoci anche una Coppa Italia vinta.

Ciò che i numeri non dicono è stato un, a nostro avviso, una mancanza di gioco chiaro, una gestione degli uomini non ottimale e anche per quanto ci riguarda una eliminazione con il Granada, che non si può sentire, oltre alla mancata qualificazione Champions di quest’anno con un calendario, rispetto alle dirette concorrenti, assolutamente favorevole.

Noi auguriamo a Gennaro Gattuso il meglio per questa sua esperienza alla Fiorentina.

Siamo fiduciosi che Luciano Spalletti possa riportate a Napoli un gioco, quanto meno una identità chiara alla squadra del prossimo campionato, sperando che sia una mentalità vincente.