E così in uno dei campionati più mediocri degli ultimi 10 anni lo scudetto si assegnerà all’ ultimo tuffo. Difficilmente ci saranno sorprese, il Milan può preparare la festa in ogni particolare ma applausi all’ Inter che nonostante tutto non ha reso facile la vita ai cugini rossoneri.

Poche sorprese anche in fondo alla classifica, Genoa e Venezia salutano la Serie A mentre per il Cagliari l’agonia è solo posticipata di una settimana.

Iniziano anche i soliti saluti di fine anno, in questa giornata diamo l’addio al “tiro a giro” di Insigne e a Giorgio Chiellini con i suoi “turbanti”.

Per i nostri saluti invece dovete attendere altri 7 giorni, poi di pallonate vi beccherete solo quelle dei bambini in spiaggia

 “PALLONATE DI GIORNATA”

  • Il rigore sbagliato da Perotti nel finale di Empoli-Salernitana non pregiudica il futuro incontro tra Nicola e il Papa, ma ne cambierà i contenuti.
  • Thiago Motta salvando questo Spezia, con Antiste, Kiwior e Manaj fa il più grosso miracolo della storia della serie A, degli ultimi 10 anni, dopo la salvezza del Crotone di Davide Nicola.
  • I tifosi dell’Inter se potessero scegliere chi far fuori tra Theo Hernandez e Vladimir Putin sceglierebbero Theo Hernandez senza pensarci un attimo.
  • Che sia Totti o Insigne, quando un simbolo lascia la propria squadra del cuore due cose ci sono sempre: Spalletti in panchina che applaude e il Genoa come avversario.
  • Giorgio Chiellini eroe fino alla fine. Esce dopo 17 minuti giusto per prendere voto al fantacalcio e non farci giocare in 10.

Luigi Ferrara