comunicato

Martuccio Serino è nella lista Siamo Cervino, a sostegno del candidato sindaco Giuseppe Vinciguerra. Quarantaquattro anni, marito e padre di due figli, di Cervino capoluogo, imprenditore polivalente, impegnato nella ristorazione con il locale di famiglia, è anche patron di un’azienda giovane e di successo, che offre servizi agli enti pubblici, pulizia e sanificazione. Detto “il presidente” per i suoi trascorsi con la squadra di calcio, è un politico di lungo corso, già assessore e presidente del consiglio comunale nell’ultima consiliatura. La decisione di scendere in campo con la lista di Giuseppe Vinciguerra – i due sono amici da diversi anni – è stata presa nel segno della coerenza, con l’obiettivo di dare un corso decisivo al paese, reduce da un decennio tumultuoso. “Abbiamo scelto di affiancarci al candidato sindaco e al progetto Siamo Cervino – ha dichiarato – perché abbiamo compreso presto di avere gli stessi obiettivi ovvero stabilizzare il paese in un momento storico decisivo. Sento forte in me il senso di responsabilità e voglio contribuire al rilancio della mia terra, in declino da un decennio”. Un cammino intrapreso con l’amico Gennaro Piscitelli, che ha appoggiato i medesimi propositi e su cui il candidato si è espresso con queste parole: “È una persona con cui ho
condiviso diverse scelte in questi anni e mi ha insegnato molto; sicuramente, ha dimostrato a tutti una qualità importante ovvero cosa significhi essere umili all’atto del bisogno, facendo un passo indietro a favore di un progetto giovane e di valore, per il bene della comunità e per procedere realmente verso il cambiamento”

Diversi i progetti da portare a termine e realizzare ex novo: ”Tra i miei personali impegni – ha precisato – ci sarà, senza dubbio, la conclusione dei lavori alla scuola dell’infanzia di Cervino, così da poter permettere alle famiglie della zona capoluogo di riavere una sede per l’elementare e la materna; inoltre, voglio dare priorità all’iter progettuale del cimitero nel minor tempo possibile, già in atto sotto la nostra precedente gestione amministrativa. Un altro obiettivo primario è di far sì che si rediga un nuovo Piano Urbanistico comunale, visto che già ci sono degli adempimenti fatti a tale riguardo. Va ricordato che il Piano risale agli anni Ottanta, il che significa che siamo fermi da oltre 40 anni. È tempo di dare una guida stabile al territorio per poter concretizzare questi obiettivi e molte altre iniziative”.