10014

Il comune di Cervino ha chiesto una anticipazione di cassa pari, se abbiamo ben capito a 500.000 euro.

Diciamo se abbiamo ben capito perché non abbiamo capito assai.

Non è stato chiesto tutto quello che poteva effettivamente chiedersi che poteva ammontare a oltre 850 mila euro, se abbiamo fatto bene i conti.

Il punto è che non è almeno per noi chiaro cosa si dovrà coprire con questi soldi.

Si parla nella delibera di un generico “eventuali e temporanee esigenze di cassa“. Pero’ non ci risulta, ma potremmo essere in errore, che fino ad ora si sia mai fatto ricorso a questo strumento.

Sia chiaro l’anticipazione di cassa non è un debito dell’ente, infatti l’anticipazione dovrebbe fronteggiare proprio temporanee esigenze di liquidità che pero’ dovrebbero essere già note.

Il fatto da tener conto è che se il comune è in stato di anticipazione di tesoreria non può utilizzare l’avanzo, i soldi poi non potranno essere certamente utilizzati per finanziare feste o attività ricreative e sportive.

Ripetiamo che non ci pare risulti una continua richiesta di anticipazione di tesoreria e quindi una volta ci può’ stare, chiaro è che se si ripetesse nel tempo saremmo in vista di un problema strutturale da segnalare per l’adozione di idonee misure correttive.


Seguici pure su Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


IMG-20170320-WA0006 arminio
hakuna matata
genesis
Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325
Immagine vendesi auto