manifesto davideEravamo in debito con il nostro lettore della nostra opinione sul manifesto del sindaco Davide Guida in risposta a quello delle opposizioni.

Lo diciamo subito, senza girarci attorno, NON ci ha convinto.

Dunque il problema è lo stipendio. O meglio il fatto che secondo le opposizioni, prima il sindaco ha solennemente rinunciato allo stipendio e poi in bilancio è spuntata tale voce quindi implicitamente adesso mettendoselo in tasca. Diciamo pure che su questo punto le opposizioni hanno trovato una certa unità, seppur una netta diversità nei toni, più discorsivi e tesi a conoscere le motivazioni, Arienzo bene comune; sprezzante il gruppo Insieme.

Il sindaco batte su tre punti, tutti poco convincenti come abbiamo anticipato.

  1. il sindaco sostiene di non aver mai in 8 anni di amministrazione, 3 da sindaco, percepito indennità, anche se la legge, come ricorda subito, consentiva di percepire tale indennità.

Quando abbiamo letto questi primi righi ciò che abbiamo pensato è stato: ECCHISENEFREGA!

Cioè il punto è proprio questo, perché Davide Guida ha cambiato orientamento su questo? Ci aspettavamo una risposta, qualsiasi … tipo … le casse sono apposto quindi si può evitare di non percepire l’indennità e via così.

2. il sindaco si difende dagli attacchi ricevuti tramite manifesti, sostenendo che in campagna elettorale lui aveva parlato di taglio dello staff del sindaco e mai di stipendio.

Ora, anche qui, ci pare una difesa molto debole, insomma dai palchi si dicono tante di quelle cose …, ma la contestazione dei manifesti non si ferma solo ai palchi, ma anche al primo consiglio comunale. Il sindaco invita a informarsi su questo punto. Noi ci abbiamo provato. Non ci siamo messi a sentire tutti i comizi fatti perché come detto facciamo poco affidamento a quello che viene promesso in campagna elettorale. Ma ci riferiamo però al primo consiglio comunale dell’amministrazione Guida bis. In quell’occasione noi scrivemmo questo a commento di quel consiglio comunale:

“Alla fine della seduta l’annuncio che i consiglieri comunali tutti avrebbero rinunciato al gettone di presenza così come assessori, sindaco e presidente del consiglio comunale avrebbero rinunciato alle loro indennità, il tutto con scroscianti applausi”(https://pungiglioneblog.com/2016/06/24/arienzo-primo-consiglio-comunale/).

Quindi in consiglio comunale, che ricordiamo per noi significa la casa degli arienzani, che sono sovrani, è stata detta una cosa ben chiara. Ora si dice un’altra cosa. Legittimo. Ma va motivata. La motivazione manca.

3. Il sindaco piglia la calcolatrice e fa due conti: dal 2004 al 2009 l’indennità di funzione di sindaco, assessori e pure difensore civico ammontano a €371.826,32.

Cioè … sul serio?

Ma come, prima Guida dice per legge è tutto regolare, che non si viola nulla, poi va a criticare i sindaci e gli assessori del passato -addirittura di 13 anni fa!- mettendoci pure il difensore civico, che hanno seguito la legge!? Ma se adesso si andranno a percepire questi soldi, come può reggere questa critica visto che si sta facendo la stessa cosa?

La seconda parte del manifesto è un attacco manco tanto velato al gruppo Insieme che è riuscito nell’impresa di inserire la Tari tra le tasse aumentate, secondo loro,  per l’indennità del sindaco. Effettivamente su questo è impossibile non dare ragione al sindaco, bisognerebbe informarsi prima di affiggere manifesti e affliggere i cittadini con quella lettura.

Il punto lo ripetiamo per l’ennesima volta, a noi onestamente poco interessa, non sarà certo questo a mettere in difficoltà le casse comunali o a scarnificare i già scarsi servizi, ce ne occupiamo giusto perché non si riesce a far di meglio.

Però una cosa la vogliamo chiedere.

Chi ci legge già sa.

Signor sindaco, quanti giorni a settimana e quante ore del giorno lei dedica al popolo sovrano che l’ha eletta?

Solo da questo dato noi possiamo dire se l’indennità di funzione se la va a guadagnare o meno.


Seguici pure su Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


assicurazione autohakuna matataIMG-20170320-WA0006
genesis
Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325