Avevamo detto che avremmo analizzato in maniera semplice il rendiconto di gestione 2021 approvato dalla giunta comunale e atto prodromico per la preparazione del bilancio di previsione.

Ovviamente dobbiamo fare anche un raffronto con lo stesso documento dell’anno prima.

Senza girarci troppo intorno diciamo che questo rendimento di gestione presenta dei lati in chiaroscuro.

Inziamo con il dire che le riscossioni sono aumentate anche in maniera importante rispetto all’anno prima passando da 9 milioni a 15 milioni! Il problema è che i pagamenti pure sono aumentati tanto da superare le riscossioni e si è in avanzo solo grazie appunto all’avanzo di amministrazione dell’anno prima.

I residui attivi sono aumentati passando da 33 milioni a 37 milioni mentre i residui passivi sono stabili a 30 milioni.

Tutto questo comporta un risultato di amministrazione di segno positivo di ben 7 milioni e mezzo circa che è molto in più rispetto ai 3 milioni dell’anno precedente.

Le dolenti note scattano con il segnalare l’aumento, seppur contenuto a un milione in più, passando da 5 milioni a 6 milioni, i crediti di dubbia esigibilità, ma tutta la parte accantonata passa da 12 milioni a 17 milioni! La parte da leone la fa il “fondo anticipiazione di liquidità” passando da 6 milioni a 10 milioni!

Questo porta ad avere una parte disponibile molto in negativo passando dai -8.850.737,81€ ai -10.024.339,63! Un bilancio dunque che si presenta in salita.

La cosa curiosa è la parte destinata agli investimenti di ben 83,72€ e saremmo davvero interessati a sapere in cosa si è investito.

C’è un altro piccolo problema da segnalare e cioè riguardo i parametri obiettivi per l’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario. Sono otto parametri e ne bastano quattro per essere dichiarati enti strutturalmente deficitari e siamo passati un anno da due parametri non soddisfatti a tre parametri non soddisfatti.

Ovviamente per il bilancio non finisce qui, ci sono altri documenti da vedere e analizzare, ma come sappiamo il bilancio da presentare al consiglio avrà più risvolti di equilibrio politico che non economico.

I documenti di riferimento: