image

Torniamo a parlare dello street control, strumento appena arrivato in dotazione alla polizia municipale di Santa Maria a Vico, ma che a leggere i giornali cartacei fa un po’ storcere il naso a Danilo Di Cecco consigliere di opposizione di PerSantamaria.

I rilievi critici secondo il consigliere sono che questo strumento è un modo per fare cassa, utilizzando un metodo repressivo, preferendo gli ausiliari del traffico a questo aggeggio. Inoltre -continuano le preoccupazione di Di Cecco- usato non correttamente potrebbe portare a una valanga di ricorsi e quindi le spese potrebbero essere maggiori delle entrate.

Non siamo convinti di queste critiche. Riteniamo i vantaggi dello street control superiori agli svantaggi. Proviamo a spiegarne il perché.

Teniamo presente che il corpo della polizia municipale di Santa Maria a Vico è ridotto all’osso, fino a questo momento le multe per doppia fila o divieto di sosta venivano svolte quando era possibile solo ricorrendo agli ausiliari del traffico, ma coprendo una porzione esigua di territorio. Con questo sistema bastano due vigili e un auto, quindi in una giornata può essere monitorato tutto il territorio comunale e più di una volta al giorno.

Qual’era la procedura standard dei vigili fino ad ora? Camminare per le strade, riscontrare il divieto di sosta, sfondarti i timpani con il fischietto nella speranza che esca il proprietario dell’auto, scambio di battute tra vigile e proprietario del tipo: “Uà sul 5 minut! Ma chella machina là nun a vir!? Mo vuò sapè a me stive aspettan!?” e cose di questo genere. Nessuna multa elevata in quanto in genere per evitare problemi si preferisce il ripristino della legalità con lo spostamento dell’auto, se esce fuori il proprietario ovviamente. Con lo street control il contatto tra polizia municipale e cittadino non esiste, con maggiore sicurezza per i primi, dobbiamo proprio ricordare cosa è successo ad Arienzo qualche settimana fa?

Quindi ricapitolando i vantaggi: Più porzione di territorio controllata, più sicurezza per i vigili, più senso di legalità, ricordiamo che lo street control riesce a stabilire pure se un’auto risulta rubata o senza assicurazione.

E qui veniamo a una delle critiche mosse da Di Cecco il fatto che si usi questo sistema per far cassa. E chi se ne frega? Ben venga! Qui non si tratta di “manipolare” il giallo del semaforo in modo che tutti finiscano nella rete delle multe per quanto un’automobilista sia prudente o meno. Qui parliamo di persone che parcheggiano in doppia fila, davanti i portoni delle case, in palese divieto di sosta trasformando comode strade a due corsie in una stradina a doppio senso alternato. Questi indisciplinati devono pagare. L’amministrazione fa cassa? Meglio ancora, infondo sono soldi che tornano ai cittadini.

Certo non mancano svantaggi, il sistema per quanto automatico deve sempre essere affidato alla controparte umana che può commettere degli errori nel redigere il verbale, ma non ci pare nulla di così clamoroso. Infatti se la foto che viene scattata dal sistema ritrae il conducente in macchina o in un raggio di venti metri e la multa arriva lo stesso, si può in modo facile e palese, attraverso la foto appunto, far annullare la multa con i normali ricorsi al Giudice di Pace o al Prefetto, ma pure in autotutela dallo stesso corpo di polizia municipale. Nel secondo e terzo caso i costi sono in pratica zero.

Certo bisognerà abituarsi a rispettare la legalità da parte degli automobilisti e far funzionare lo street control in modo efficace da parte dei vigili, ma riteniamo che dopo un inizio incerto e non semplice a lungo andare può portare solo benefici.

Se poi si vuole togliere qualsiasi alibi alla volontà di far cassa dell’amministrazione, consigliamo di inserire nel sito del comune le strade e gli orari in cui certamente passerà l’auto con lo street control.


Immagine

al P.co De Lucia in Santa Maria a Vico (CE)

immaginegepa
CLICCA E NAVIGA IN http://www.ferramentagepa.it

genesis hakuna matata

.

 

 

 

 

 

 

 

 

dsc_0067 dsc_0073

 

 

 

VENDO: Suzuki V-Strom 650 Prezzo: € 5.800,-Chilometraggio:  27.000 km circa  Anno: 04/2013 Carburante: Benzina Potenza: 65 kW (88 CV) Data revisione: 04/2017 Dati dell’auto: Colore: Nero metalizzato unico proprietario Cambio: Manuale Equipaggiamento del veicolo: ABS, Avviamento elettrico, 4 Bauletti,  porta navigatore e porta telepass , Cupolino, Marmitta catalitica, Parabrezza con deflettore, Paramotore presa 12V fendinebbia  proteggimoto givi, cavalletto centrale appena tagliandata moto perfettissima tenuta in modo maniacale (vedere per credere, neanche un graffio)… pari al nuovo.   , .. sono a disposizione per qualunque chiarimento. CONTATTO: alessandrodangelo78@virgilio.it