Questa mattina, presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, si è tenuta una Adunanza avente ad oggetto “COLLEGAMENTO CASERTA – BENEVENTO – I Lotto – Collegamento dell’area delle “Forche Caudine” con il Corridoio Tirrenico (A30). Richiesta espressione parere ai sensi del combinato disposto dell’art. 215 del D.Lgs 50/2016 e del D.M. 467/2020.”

L’OPERA

Nel corso dell’Adunanza sono stati illustrati 3 tracciati.
Quello ritenuto più idoneo: una estensione di 25 km con partenza da Marcianise percorrendo la Valle di Suessola e Valle Caudina con arrivo alla rotonda di Paolisi.

Il costo previsto di questo 1º lotto è di 1 miliardo e 517milioni di Euro.

Il tracciato individuato dall’Anas prevede due uscite nella Valle di Suessola. La prima nel Comune di San Felice a Cancello, località “Ponti Rossi”, la seconda nel Comune di Santa Maria a Vico, località “Area Industriale”.

Il consiglio ha ritenuto di rimettere il progetto all’Anas. Motivo: opportuni approfondimenti in ordine ad una riscontrata carenza progettuale, nonché, al Ministero per le valutazioni in ordine alla spesa economica, date le importanti cifre da finanziare.

LA DICHIARAZIONE DEL SINDACO PIROZZI

Dopo aver partecipato alla riunione, il Sindaco Andrea Pirozzi ha dichiarato:
“Ho chiesto di intervenire contestando l’intera procedura. Ancora una volta viene umiliato un vasto territorio. Sono 30 anni che si attende una infrastruttura di collegamento tra due regioni, Campania e Puglia, e due province Caserta e Benevento. Oggi collegate da un’unica arteria ex SS7 la cui gestione è in parte affidata ai comuni.

E’ inconcepibile -continua Pirozi – che si parli ancora di carenza progettuale e si richiedano ulteriori approfondimenti nonostante i tracciati in questione siano stati già oggetto di opportune valutazioni negli anni passati, finanche in parte finanziati.

Ancora una volta una vasta area territoriale, martoriata dal congestionamento del traffico veicolare, si ritrova a veder sfumata la possibilità di avere una arteria che ha lo scopo di rendere giustizia alle aree interne.

Pertanto ho annunciato al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici un nostro intervento di protesta indirizzato a tutti gli organi competenti, finanche al Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Realizzare questa opera con i fondi del PNRR è sicuramente l’ultima opportunità per questo territorio di vedere realizzato il progetto. Per questo seguiremo tutti i percorsi e compiremo ogni sforzo affinché questa opportunità non vada a vanificarsi.

Chiedo a tutti gli organi interessati di unirsi al nostro grido di protesta. Siamo fortemente convinti che il collegamento viario Caserta Benevento debba essere una priorità tra le opere da realizzarsi con un cronoprogramma che preveda un inizio e una fine lavori, senza badare a costi. “