Hotel-Riu-Imperial-Marhaba-Sousse-Tunisia

Era il 26 Giugno del 2015 e a Sousse in Tunisia morirono 39 persone per un attentato terroristico ad opera dell’Isis.

Un attentato che però non ha fermato il popolo tunisino né la sua voglia di democrazia, la Tunisia si può dire che sia l’unico paese a oggi che ha visto trionfare positivamente quel movimento rivoluzionario definito “primavera araba”.

Dal 18 al 21 Maggio l’Hotel Imperial, chiuso proprio dal giorno della strage,  riaprirà e si svolgerà un convegno  organizzato dal consiglio forense italiano.

Un modo per alimentare la vicinanza e la collaborazione tra i due paesi.

Al convegno oltre ai consigli forensi di Italia e Tunisia, quest’ultimo è bene precisarlo è stato insignito del Nobel per la pace nel 2015, parteciperanno anche quelli di Francia e Spagna.

Noi ne parliamo in quanto anche il foro di Santa Maria Capua Vetere parteciperà e in particolar modo l’avv. Anna Fruggiero sarà in Tunisia appunto in qualità di rappresentante: È con immenso orgoglio che partecipo a questa emozionante esperienza e ringrazio il Presidente e il Consiglio per avermi dato questo onore. Gli Avvocati, italiani ed europei, con coraggio, hanno affiancato gli Avvocati tunisini, facendosi promotori di questa iniziativa che consentirà la riapertura dell’hotel Imperial come segno tangibile della riaffermazione dei valori della vita che devono prevalere sulle logiche della morte e del terrore.