Parliamo ancora di linea Ferroviaria Benevento-Napoli via Cancello, di lavori, di ritardi. Proprio ieri vien fuori un comunicato di Eav che ci lascia non poco perplessi.

A piè pagina c’è il link per leggere tutto il comunicato.

il comunicato comincia così:

E’ stata aggiudicata venerdì scorso la gara per l’affidamento della redazione del progetto esecutivo e l’esecuzione dei lavori per il restyling e la rifunzionalizzazione delle stazioni di Benevento Appia e Santa Maria a Vico per un importo di circa 4,5 €Mln, al netto del ribasso del 25% offerto.

Non dovrebbe stupirci in quanto sappiamo che quel cronoprogramma che diceva che la stazione di Santa Maria a Vico avrebbe riaperto il 20/09/22 non conta. E’ stato diffuso altro cronoprogramma, cui pare che solo determinati iniziati possano conoscere, che rimanderebbe il tutto a inizio 2023. Quindi stiamo ancora a zero o a tre come direbbe Troisi.

Sono necessari una serie di interventi denominati come Smart Station che insomma si prenderanno un paio d’anni per essere ultimati, quindi nel settembre 2024.

E questa è una cosa.

Poi … Con riferimento ai lavori attualmente in corso si prevede di ultimare l’attrezzaggio e rinnovo del segnalamento ferroviario entro il mese di ottobre 2023 con contestuale riapertura all’esercizio della linea ferroviaria, registrando, pertanto, un ritardo, contenuto in circa 12 mesi, rispetto alle iniziali previsioni.

Quindi pare che stanno lavorando e che a ottobre 2023 riaprià l’esercizio, ma insomma come si legge con un ritardo “contenuto” di 12 mesi!

D’accordo che le ferrovie italiane sono famose per il ritardo dei treni ma dire che 12 mesi di ritardo non è niente di che, ci pare un pochino pretenzioso.

Viene giustificata questa inezia di ritardo di appena 12 mesi, 365 giorni, in questo modo:

Tale ritardo è dovuto, come in tutti i cantieri d’Italia, ai ben noti eventi del covid e dell’aumento prezzi con la conseguenziale difficoltà di approvvigionamento dei materiali.

Covid!? Ma questa è una scusa buona per i primi sei mesi del 2020 non per adesso. Il vecchio cronoprogramma, cui nemmeno si conosce il contenuto, era stato diramato dall’Eav stessa. Tale documento pare che riportasse la riapertura dell’esercizio nel settembre di quest’anno. Un po’ troppo tardi la scusa del Covid, così come dell’aumento del costo dei materiali visto che è un problema recente.

Ma attenzione abbiamo ancora un’altra data: giugno 2026! Cioè la fine dell’ammodernamento della linea con i fondi Pnrr che però dovrebbero essere svolti in costanza di esercizio.

In tutto questo la data buona per la riaprtura dell’esercizio è ottobre 2023. Che è diverso da quello che ieri ci diceva l’assessore Affinita dei primi mesi del 2023. Inoltre sempre ieri si parlava che l’amministrazione era a conoscenza di un documento che faceva slittare la data di settembre 2022. Quindi, l’amministrazione comunale sapeva di questo slittamento ma non ha ritenuto fosse importante rendere edotta l’utenza.

Ora quello che noi vorremmo capire, ma questi documenti, cronoprogramma e quant’altro, si possono visionare o sono segretati?

Ieri sempre l’assessore diceva che l’amministrazione prende atto di quello che accade. Effettivamente questa è un’amministrazione che prende spesso atto delle cose, ma poco prende in mano la situazione.

Non è colpa dell’amministrazione, lo ribadiamo se vi sono questi problemi e ritardi, ma l’amministrazione dovrebbe dare delle puntuali informazioni, cosa che non sta avvenendo, e soprattutto in che modo si tutela la comunità? Prendendo atto immaginiamo.

Magari, proviamo ad aiutare l’assessore, si potrebbe pretendere causa tutti questi ritardi che non vi sia un aumento dei biglietti, nemmeno “contenuto”, ma che i prezzi dal momento della interruzione servizio siano congelati fino al giugno 2026 o meglio fino a che tutte le opere di cui parlava il comunicato giungano al termine.

Magari un tavolo su questo con tanto di documento firmato si potrebbe aprire.

Aggiudicata la gara per il restyling e la rifunzionalizzazione delle stazioni Benevento Appia e Santa Maria a Vico | EAV srl