comunicato

Partiremo, fin da ora, dal confronto con le sedi di Partito presenti nei 104 Comuni del Casertano, per coordinarci sull’apertura di un dialogo costante con il cittadino e dare una giusta dimensione delle nostre linee programmatiche, proiettate, in larga parte, sul futuro del nostro territorio”: queste le dichiarazioni di Giuseppe Guida dopo la nomina ufficiale a segretario provinciale, arrivata, sabato scorso, in occasione della presentazione dei candidati alla Camera e al Senato e della designazione degli altri responsabili del Coordinamento.
L’obiettivo è partire dal programma, in vista delle elezioni del prossimo 25 settembre, approfondendo le tematiche più calde per la popolazione dell’intera Provincia. “Reddito di cittadinanza, lavoro giovanile e pensioni minime – ha proseguito – sono tra gli argomenti più dibattuti in questi giorni. Conoscendo la realtà casertana, ritengo che tali aspetti vadano, a maggior ragione, approfonditi e spiegati ai cittadini, esplicitando, con la massima chiarezza, le idee del Partito e la loro concreta messa in atto. Mi trovo pienamente d’accordo con il pensiero del presidente Silvio Berlusconi, che ha avanzato proposte su una riformulazione del sostegno economico e sulla relativa assegnazione a chi vive realmente in condizioni di povertà, valutando soprattutto la situazione del Sud Italia. Al via anche la detassazione e la decontribuzione dei salari per le imprese che intendano assumere a tempo indeterminato i nostri giovani concittadini, con contratti di praticantato o di primo impiego. Allo stesso modo, occorre portare le pensioni minime e di invalidità a 1.000, 00 euro. Si tratta di un atto dovuto, che restituisce dignità a tali categorie”. A stretto giro, partirà il tour dei Comuni per dare un input a tali propositi, con la volontà di dare seguito a queste prime dichiarazioni.