Giuseppe Morgillo analizza quella che può definirsi la Neolingua di questo secolo: