comunicato

Valentina d’Albenzio è il volto più giovane del progetto Siamo Cervino, a sostegno del candidato sindaco Giuseppe Vinciguerra. Venticinque anni, sposata, cresciuta a Cervino, dopo un percorso scolastico con indirizzo in “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera”, che le ha fornito le competenze tecniche, economiche e normative per operare in queste due filiere, ha intrapreso l’attività di addetta alle vendite, senza tralasciare il suo interesse per gli ambiti in cui si è specializzata e in cui si dichiara pronta ad operare, con un impegno volto alla promozione del territorio. Convinta sostenitrice del gruppo a cui ha deciso di aderire, non solo per età, ma anche per una comunanza di radici e valori, la candidata indica, con queste parole, i motivi della sua discesa in campo: “Ho trovato uno spirito di squadra e un entusiasmo, fatto di idee e progetti destinati a migliorare il nostro paese, che mi hanno convinto e coinvolto dal primo momento; siamo estremamente uniti e puntiamo agli stessi obiettivi ovvero metterci al servizio della comunità, restituire alla nostra terra tutte le opportunità che le sono state sottratte e costruire, passo dopo passo, un futuro migliore”.

Una valorizzazione che passa attraverso la promozione del territorio e il rilancio del commercio, dei prodotti tipici e delle tradizioni: “Dobbiamo favorire la rinascita del nostro paese – ha dichiarato – rilanciando economia e turismo, favorendo l’apertura di nuove attività, rianimando un centro cittadino oramai spento e, ultimo ma non meno importante, puntando sulle nostre peculiarità, anche in termini di produzioni locali, sia alimentari che artigianali; abbiamo tante idee, che passano anche attraverso l’organizzazione di manifestazioni popolari, come fiere e sagre, che possono rappresentare un volano per il nostro Comune, coinvolgere i nostri concittadini e diventare una forte attrazione turistica. Il mio impegno in questa direzione deriva dalla grande fiducia, condivisa con la mia squadra, nelle potenzialità del nostro territorio; una fiducia che deve tradursi in una visione strategica più ampia, sulla quale stiamo già lavorando con grande determinazione”.