due-piedi

Il gruppo Ad Maiora ha inviato un comunicato ieri ove ha cercato, secondo noi senza riuscirci, le motivazioni che hanno mosso la loro azione politica in questi ultimi tempi.

Riportiamo la parte più interessante del comunicato:

“Il nostro dovere è quello di rispondere alle istanze dei cittadini, come abbiamo fatto in questi due anni, continuiamo a lavorar con serenità ma soprattutto con grande responsabilità, non abbiamo grandi margini giuridici per operare   ma daremo voce ai cittadini dalla posizione in cui ci hanno collocato. –  È la dichiarazione congiunta dei due componenti del Gruppo Ad Maiora, Pasquale Iadaresta e Vincenzo Moniello – Stare al fianco dei cittadini, ascoltare e rappresentare i loro disagi e i disservizi a cui spesso sono sottoposti non è populismo, né tanto meno demagogia, come qualcuno va millantando, una critica strumentalmente agitata da chi vuole difendere il suo status quo, attraverso i social network. Abbiamo assunto impegni sottoscritti in un programma elettorale e vogliamo rispettarli. Non ci interessano poltrone, non ci interessano medaglie. Abbiamo votato a malincuore contro  il bilancio poiché l’analisi  evidenzia come, il sindaco e la giunta tutta, nel predisporre il progetto di bilancio abbiano poco  tenuto a cuore gli assi portanti del programma elettorale, tradendo le linee guide del progetto politico costituente il collante di questa amministrazione civica : legalità e trasparenza, vicinanza ai giovani e ai  disoccupati, solidarietà sociale e sostegno alle famiglie meno fortunati , attenzione e cura per la pubblica istruzione, perché i bambini sono il nostro futuro. Abbiamo proposto la rinuncia da parte del sindaco e della giunta ai propri emolumenti, privazione che non avrebbe salvato certamente la situazione di disagio economico che stringe tanti nostri concittadini ma sarebbe stato un atto simbolico e di sostanza, una somma pari a centomila euro che si poteva utilizzare per un’azione di inclusione, di sostegno al reddito, di sostegno sociale. Abbiamo ricevuto un NO e non ci permettiamo di riportare i motivi addotti alla base di questo diniego”.

Gruppo Consiliare di Maggioranza.

Allora da dove cominciare?

Partiamo dalla fine, la firma. Il semplice fatto che il gruppo Ad Maiora ha sentito la necessità di firmarsi gruppo consiliare di maggioranza pone delle problematiche non da poco. Come si fa a essere in maggioranza quando si vota contro il bilancio di previsione? Il bilancio è un documento fondamentale in quanto stabilisce ciò che si intende fare e ciò che non si vuole fare, è in pratica il programma dell’anno in corso. Se quindi un gruppo vota no è nei fatti fuori dalla maggioranza, potevano astenersi sarebbe stato diverso, ma appunto hanno votato contro. Anche perché se il bilancio previsionale non viene approvato si apre tutta una procedura che può portare come conseguenza allo scioglimento dell’ente.

Da questo punto di vista il comunicato è assurdo, il gruppo si firma di maggioranza ma nel resto parla di linee programmate tradite! Facendo pure un elenco e c’è praticamente tutto, viene tralasciata la viabilità, ma pensiamo sia solo una dimenticanza.

Anzi una proposta viene fatta, inutile. L’azzeramento delle indennità. Come loro stessi ammettono non serve a nulla, giusto un fatto simbolico. Questo è populismo! Non è certo tale il segnalare il palo piegato, la buca e cose cosi, ma queste richieste sono delle emerite sciocchezze. A cosa può fregare a una famiglia, che ha magari due o tre figli iscritti a scuola e non ha alcun tipo di aiuto o sgravio dal comune, il sapere che sindaco e assessori non prendono indennità? Secondo noi zero. Se proprio volevate fare gli splendidi potevate chiedere l’abolizione di tutte le tasse comunali per i cittadini da 70 anni a salire. Invece no! Scelte per carità.

Non ci interessano le poltroneE no! Questo non è vero. Tutto sto casino sta succedendo proprio per una poltrona. Attenzione non c’è nulla di male, solo con un assessorato si può essere determinanti nella politica comunale, quindi legittima la richiesta di poltrona, ma per favore adesso non fate i santarellini.

Per quanto ci riguarda consideriamo ad maiora come forza di opposizione, sarebbe il caso che per rispetto dei cittadini che li hanno votati siano chiari sul loro reale rapporto con la maggioranza.

Segnaliamo un’ultima cosa, stavolta favorevolmente per Ad Maiora, cha almeno ha voluto spiegare il suo voto sul bilancio, ma le altre forze di opposizione che giustificazione hanno? E’ mai possibile non hanno nulla da segnalare dopo il consiglio? Certo è difficile dire qualcosa quando l’azione politica è rasente lo zero.


TRA UN’ORA CIRCA PUNGIGLIONEREMO PURE LA MAGGIORANZA



seguici pure su Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


IMG-20170320-WA0006 assicurazione autohakuna matata immaginegepa
genesis
Via G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325