Giorno: 3 marzo 2018

CERVINO CRISI: DE LUCIA E’ “CADUTO”

 

de-lucia-giovanni-cervino

Sembrava dalle parole di Carmine Pascarella: “Non so quando vi sarà il prossimo consiglio per il bilancio ma avrete il mio voto contro”, lasciasse presagire una continuità ancora per qualche tempo dell’amministrazione De Lucia.

Ma alla fine evidentemente il consiglio comunale e l’incontro con gli altri dell’opposizione ha portato all’idea delle dimissioni ultra dimidium, ovvero presentarsi dal notaio e certificare la fine quindi dell’amministrazione De Lucia.

E’ la seconda volta ci pare che l’avvocato non riesce a portare al termine il suo mandato stavolta è durato poco più di 3 anni e mezzo.

Ora la palla passa al Prefetto che dovrà nominare un commissario per un lunga gestione, un anno almeno, si voterà nel 2019 in una data compresa tra il 15 Aprile e il 15 Giugno.

Primo atto del commissario sarà quello di preparare e approvare il bilancio preventivo.


Facebook: https://www.facebook.com/pungiglioneblog/


hakuna matata

genesisVia G.De Falco 94 Caserta info: 0823-355325
Annunci

CERVINO CRISI: E’ TUTTO DA RIFARE.

IMG-20180303-WA0009 (1).jpg

Nessun colpo di scena oggi, il sindaco De Lucia prova a prendere tempo cercando di trovare una difficile quadra del cerchio.

Infatti il bilancio non viene approvato, o meglio viene rinviata la discussione perché manca il parere del revisore. Ma guarda un po’!

Ovviamente l‘opposizione non avendo più interesse a rimanere abbandona l’aula, ma non Carmine Pascarella che legge il suo intervento rimarcando in pratica le motivazioni che lo hanno portato a un parere negativo e che noi abbiamo già posto in sintesi ieri pomeriggio. Ma Pascarella ci ha tenuto a rimarcare la sua posizione di consigliere comunale che opera nell’interesse dei cittadini e non di uno yesman.

Il Sindaco dal canto suo ha rimarcato la situazione non rosea dei conti per la gestione precedente che ha lasciato le casse piene di debiti. 

Il bilancio quindi viene rinviato, per legge il consiglio deve approvarelo entro il 31 Marzo, altrimenti scatta la procedura che porta al commissario ad acta e quindi alla fine dell’esperienza di questa amministrazione.

Il sindaco in tutti i momenti di crisi è sempre riuscito a risolvere il problema e continuare la sua azione amministrativa. Stavolta davvero non sappiamo come possa uscirne.

Un colpo di teatro interessante sarebbe barattare le dimissioni con l’approvazione del bilancio, in tal modo potrebbe presentarsi -secondo noi- alle prossime elezioni forte di aver lasciato poca operatività al futuro commissario per il bene del paese ecc. ecc. , ma siamo nella fantascienza.

Vedremo come andrà a finire.