Consiglio comunale con seduta fiume, la bellezza di quasi tre ore e mezza. Noi chiaramente non faremo la cronaca ritardata minuto per minuto, anche perché c’è un video chiarissimo che pubblichiamo a piè pagina, ci concentreremo sulle cose più importanti e interessanti per noi.

Innanzitutto, lo ha fatto anche il presidente del consiglio comunale, bisogna dare del bravo a Vincenzo Morgillo che ha curato la diretta streaming, assolutamente chiara e perfetta tecnicamente ma un bravo va anche dato ai consiglieri comunali tutti che con tutta la difficoltà di uno streaming hanno posto con chiarezza e signorilità, come deve essere del resto, le proprie tesi, ma la differenza con qualche pollaio va fa notare.

Allora interessanti sono state le comunicazioni del sindaco Pirozzi: sul fronte covid e precisamente riguardo i vaccinati abbiamo che in Santa Maria a Vico ha già vaccinato 3904 di cui 2935 hanno fatto la prima dose, quindi siamo al 21% della popolazione anche se in questa statistica sono inseriti anche i bambini che non possono vaccinarsi, dobbiamo dire che non ci è chiaro questo sistema di conteggio. Riguardo il Parco Urbano. il sindaco ha comunicato la volontà di Valle di Maddaloni di entrare e sembra che si sita cercando una via normativa per chiudere questa vicenda, con tutto il rispetto per Zannini e Bonavitacola. ma noi ce li vediamo proprio perdere il sonno per salvare Valle di Suessola.

Pasquale Crisci ha poi chiesto l’inversione dei punti finali quelli delle mozioni e dell’interrogazione da trattare per primi, come da regolamento. Il presidente ha chiarito che ha concesso la possibilità per la minoranza di presentare quei punti anche se il regolamento non consente di inserire interrogazioni e mozioni in sedute di approvazione del bilancio.

Ora, secondo noi, bene ha fatto il presidente a consentire la presenza all’o.d.g. delle interrogazioni e mozioni della minoranza, per una questione se vogliamo di democrazia e poi siamo sempre favorevoli da questo blog quando i diritti della minoranza si allargano, ma non si possono prendere decisioni unilaterali in continuazione. Cioè una volta consentito alla minoranza di presentare quei punti, non si può poi decidere dove piazzarli e quanti se ne devono presentare. O si applica il regolamento alla lettera, oppure se per consentire uno svolgimento democratico e tranquillo della seduta si vuole fare uno “strappo” se ne deve fare uno, non stracciare tutto. Anche perché il presidente rischia di non essere il regolatore, ma il “dominatore” della discussione e poi si creano precedenti. Consentire a Pasquale Crisci di replicare dopo le comunicazioni secondo noi è sbagliato, ma possiamo anche capire che lo si è voluto far replicare per le motivazioni di cui sopra. Certo noi siamo sempre dell’idea che la minoranza deve replicare quando le comunicazioni hanno poi una valenza politica, non è questo il caso stiamo ragionando in generale, quando ad esempio si utilizzano espressioni tipo: “siamo stati bravissimi”, “siamo i migliori”, “stiamo rispettando gli impegni” ecc.

Cioè il primo punto si è preso 48 minuti! Motivo per cui anche nel passato succedeva questo e chiedemmo appunto alla presidenza del tempo di evitare le repliche alle comunicazioni e dobbiamo dire fummo ascoltati e così si è fatto fino a ieri.

Sul piano triennale dei lavori pubblici a noi è parsa interessante la volontà di realizzare l’Isola Ecologica nella zona industriale a quanto pare, poi si andranno a realizzare nuovi loculi cimiteriali, il palazzetto dello sport, la nuova ala Nord-Sud-Ovest-Est del complesso aragonese, il sindaco ha poi parlato di acquisto della Masseria della Duchessa (S.PioX), che ci pare sia in questo momento ritornata pienamente in proprietà dei padri Oblati, ma anche tante altre cose che rimandiamo al video. Anche sul bilancio relazionata da Michele Nuzzo rimandiamo il nostro lettore al video.

Si è fatta una discussione generale riguardando un po’ tutti i punti riguardanti direttamente e indirettamente il bilancio.

Abbiamo apprezzato gli interventi di Igino Nuzzo di Fdi he ha plaudito alla ricostituzione del forum dei giovani, ma voci in tal senso in bilancio non ve ne sono, a suo dire, è anche contrario alle esternalizzazioni. Soddisfazione della digitalizzazione, che ha ricordato Nuzzo, era una voce presente anche nel programma del partito. Per Nuzzo poi non è chiaro tutto il sistema degli aiuti alle famiglie e partite iva in particolar modo.

Abbiamo anche apprezzato l’intervento della consigliera Clelia Signoriello che ha votato favorevolmente il piano triennale e bilancio e secondo noi, ma secondo il mondo creato, se si vota il bilancio di previsione favorevolmente si sposano le linee programmatiche dell’amministrazione. Ci è piaciuto perché è stato sincero, non come la scorsa consiliatura quando qualche consigliere a chiacchiere faceva finta di contestare il bilancio e poi ci si asteneva e poi guarda il caso ci si candidava con quell’amministrazione uscente. E’ stata anche corretta la Signoriello nei confronti del suo elettorato in quanto ha spiegato le motivazioni che l’hanno spinta alla votazione favorevole, ricordiamo che la Signoriello ha fatto campagna elettorale contro. Chapeau. In particolar modo la Signoriello ha posto l’accento sullo sportello ascolto per le donne vittime di violenza, poi anche sullo sport chiedendo di conferire maggiori fondi.

Cesare Piscitelli invece ha posto la sua critica sul basolato che ancora traballa, veramente dalla prima ora di quei lunghi lavori non ha mai dimostrato di stare fermo.

Marcantonio Ferrara capogruppo di Città Domani 2.0 ha espresso soddisfazione, anche per il fatto che il capogruppo ha fatto notare come il piano abbia assorbito anche qualche idea della minoranza. Infatti il piano triennale passa all’unanimità mentre il bilancio passa con 13 voti favorevoli e 4 contrari, quindi ufficialmente la maggioranza si è allargata.

I debiti fuori bilancio illustrati da Marcantonio Ferrara passano con l’approvazione dei 13 della maggioranza e con le 4 astensioni delle minoranze.

Ci fermiamo qui per il momento, le mozioni e interrogazioni ne scriveremo e pubblicheremo domani.