SFAC: PROBLEMA RIFIUTI

Problemi a San Felice a Cancello per la raccolta dei rifiuti, pare che da qualche mese i dipendenti della Tekra non ricevano lo stipendio anche se il problema non è della società ma del comune.

Sembra davvero una situazione questa della raccolta rifiuti a san felice che trova enormi difficoltà, già a giugno del 2014 un autocarro adibito alla raccolta rifiuti fu sottoposto dai carabinieri a sequestro amministrativo perché senza assicurazione.

Problema questo degli stipendi arretrati che si ripete un po’ ciclicamente già a Settembre 2014 ci fu questo problema come si evince da una nota del sindacato dell’epoca:

La Fit-Cisl, in seguito all’incontro congiunto con azienda e Comune, il quale ha avuto esito negativo, attiva  la procedura di raffreddamento di cui alla legge 146/90 e proclama lo stato di agitazione del personale del cantiere del ciclo di raccolta differenziata del Comune di San Felice a Cancello. La procedura nasce dal  mancato pagamento di parte delle spettanze di giugno, luglio, agosto. Infatti, l’azienda, ha confermato che,  allo stato attuale, non ha la possibilità finanziaria di pagare gli emolumenti ai lavoratori per l’accumulo di ritardo del pagamento dei canoni da parte del San Felice a Cancello”. 

Bisogna dire che tra Pasquale De Lucia e Tekra non pare che i rapporti siano idilliaci, il primo cittadino sanfeliciano a luglio 2014 ha inviato una nota alla prefettura di Caserta per chiedere notizie circa la certificazione antimafia della Tekra.

I dubbi sono nati da una comunicazione della Prefettura di Salerno, infatti, sarebbero emersi elementi tali da far sorgere sospetti  sull’informativa antimafia nei confronti della società.

Qualche giorno dopo, sulla vicenda la Tekra diffuse questo comunicato:
Si apprende da giorni che sulle testate giornalistiche gira questa notizia dell’interdittiva antimafia, la  presente per smentire queste dicerie copiate da un giornale on line di Caserta (Casertace.net).

Vi informiamo che i ns. legali stanno provvedendo a giuste querele nei confronti del Casertace.net, il quale basatosi sul nulla ha pubblicato notizie infamanti a danno dell’immagine della scrivente.

Vogliamo rasserenare tutti comunicandoVi ufficialmente che il Nulla Osta antimafia, pervenuto dalla competente prefettura di Salerno, della Società TEKRA e dei relativi soci e amministratori c’è ed è già pervenuto alla SRR4.

Inoltre vogliamo informarVi che il personale presente c/o i punti di raccolta siti in Gela, non è nostro personale e per quanto a ns. conoscenza tali sono volontari di protezione civile e/o associazioni incaricati non da noi e pertanto non spetta a noi riconoscere nulla agli stessi ne sapere se percepiscono contributi o altro da terzi.

Sperando di aver chiarito le “ombre” tanto pubblicizzate,

 Distinti saluti

TEKRA SRL

L’amministrazione”

 

Annunci

IL PUC DELLA DISCORDIA

Botta e risposta sul PUC (Piano Urbanistico Comunale) dal consigliere di minoranza PD, Carmine De Lucia, e Andrea Pirozzi vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, unico assessore a rimanere in carica per tutti i 5 anni dell’amministrazione Piscitelli.

De Lucia ha accusato amministrazione e maggioranza di spot pre-elettorali (comunali e regionali) accusandoli di “asfaltite”, ma soprattutto di adottare il PUC in sordina, ultima stoccata all’amministrazione Piscitelli: “chiuderà questo mandato con lo stile propagandistico che l’ha contraddistinta in questi 5 anni.

L’assessore certamente non le manda a dire e accusa il De Lucia di “mentire sapendo di mentire” in quanto il tecnico fu scelto nel 2008 (amministrazione di centro sinistra) e nell’Aprile del 2014 quando vi fu l’audizione preliminare e secondo Pirozzi: “si è registrata l’assenza di chi, non avendo argomenti di propaganda elettorale, mente artatamente sull’operato dell’amministrazione uscente”.

Vi è da dire che secondo noi oltre all’adozione silente del PUC, le opposizioni, sono state altrettanto silenti sull’argomento, né hanno presentato una loro idea o progetto alternativo. Le opposizioni potevano approfittare dell’occasione del PUC per indicare ai cittadini la loro idea di sviluppo della città di Santa Maria a Vico. Ennesima occasione sprecata nel mettere all’angolo l’amministrazione e mostrarne tutte le incongruenze.

Non ce ne voglia l’assessore, ma dal PUC e soprattutto da questi interventi di lavori pubblici a pochi mesi dalle elezioni non è chiaro quale sia la finalità. Il centro storico andava sistemato, era impossibile anche camminare, ma era proprio necessario creare delle barriere architettoniche? (marcipiedi proprio non è possibile chiamarli). Sembra che già abbiano sfracassato due pneumatici e in certi punti si è creato di fatto un senso unico alternato. Insomma stiamo quasi rivedendo l’obbrobrio della pista ciclabile, bella cosa, ottima iniziativa, ma nei fatti quella pista ciclabile si è rivelata ridicola e dannosa.

Soprattutto noi vorremmo chiedere all’amministrazione uscente e magari anche alle forze politiche che intendono prendere in mano il futuro della città suessolana, ma qual è l’idea di città che avete in mente? A vedere questi palazzi sorgere come funghi e contemporaneamente vedere cartelli “Affittasi e Vendesi” sembra che questa città stia diventando un paese albergo o città dormitorio. Davvero nessuno riesce a cogliere le potenzialità di questo magnifico territorio senza misurarlo in mq edificabili?

 

CONSIDERAZIONI PERSONALI SULLA SETTIMANA SUESSOLANA DAL 19 AL 25 GENNAIO 2015

Santa Maria a Vico, come esiste un totopresidente della Repubblica ovviamente non può non esistere un toto sindaco, Pasquale Crisci capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, si spinge in là e avverte che esistono ben 30 candidati sindaci pronti a scendere in campo. Il problema è che poi uno bisognerà scegliere e gli altri 29 “sindaci” dovranno ridimensionarsi a “consiglieri”, qualcuno dovrà essere lasciato fuori.

A parte gli scherzi una cosa interessante il delegato ai grandi eventi la dice, “il nostro punto di riferimento sarà l’asse D’Anna-Fitto”. Curioso che il capogruppo di Forza Italia non parli di Forza Italia, ma di due personaggi di centro-destra importanti che in questi ultimi mesi, o meglio anni, sono in rotta di collisione costante con Berlusconi e quindi con Forza Italia. Davvero, forse, il centro-destra cittadino si presenterà con due liste?

Non bisogna poi dimenticare, la conferenza stampa del Sindaco Alfonso Piscitelli che in pratica ha annunciato la sua candidatura alle regionali, ha illustrato il lavoro svolto in presenza di quasi tutta la giunta (assenti Clementi Affinita e Veronica Biondo), e ha rassicurato che lavorerà per far sì che la squadra non si spacchi.

Proprio nei giorni scorsi una delle anime del centro-destra santamariano Andrea Pirozzi ha rivendicato con forza il suo operato in questi 5 anni –unico assessore (lavori pubblici) a rimanere saldamente al suo posto- e invitando l’opposizione a non dire bugie: “Alle chiacchiere abbiamo contrapposto i fatti, il paese si è ammodernato sotto ogni profilo in questi 5 anni”chiudendo con:”la critica è più facile dell’arte”(sic!).

Per Carmine De Lucia consigliere del PD in consiglio comunale e avversario del PD nella prossima campagna elettorale, accusa apertamente e senza remore la maggioranza e l’amministrazione di spot elettorali e di sindrome di asfaltite. Il consigliere prende atto del fatto che il PUC è stato approvato in maniera silente, appena qualche settimana fa e servirà solo, secondo il consigliere De Lucia, a fare altra pubblicità.

Oggi consiglio comunale.

San Felice a Cancello, servizio di “Striscia la notizia” sulla famigerata scuola A. Moro di Cancello, in verità l’inviato Luca Abete dice molto cose che già i mass media locali hanno raccontato (tra cui questo blog), concentrandosi più sul caso analogo acerrano. Il fatto però che questa brutta storia è arrivata in una trasmissione che fa da megafono alle storture italiane è già questo un fatto deplorevole che tutti i protagonisti dovrebbero interrogarsi su cosa è stato fatto e cosa dovrà farsi nel prossimo futuro per il bene dei ragazzi e della scuola. Abbiamo però l’impressione che tutto rimarrà come adesso.

Arienzo, questa settimana sono state ancora le mosche protagoniste del comune suessolano, i cittadini arienzani hanno postato foto su Facebook di una situazione davvero difficile e c’è chi anche per Arienzo invoca “Striscia la notizia”, come se il programma di Ricci fosse una specie di insetticida, magari se arriva Abete con l’odore da Arbre Magic le fa scomparire.

In realtà l’amministrazione si è mossa, anche se magari quando lo fa potrebbe avvertire o almeno fare un resoconto puntuale ai cittadini. Proprio in Regione c’è stato un tavolo con presenti: la Regione Campania, Uod Ambiente, Provincia, Arpac, Uov Asl, il sindaco Davide Guida e gli Allevamenti Falco, più veterinari e tecnici. Tutta sta gente, che ovviamente sta dietro a tutte queste sigle, ha stabilito che la ditta avicola dovrà avere meno di 110 mila capi e la Regione dovrà controllare il tutto, anche se il sindaco ci ha poi confidato che non ha intenzione di aspettare per l’infinito, ma nel caso si attiverà in prima persona.

SMAV: UNIONE DE “LA SVOLTA” E “NILM”

Ieri sera “La Svolta” ha presentato le proprie linee guida “per costruire una Santa Maria a Vico vivibile” questo era scritto nell’opuscoletto che è stato presentato e consegnato ai numerosi cittadini che si sono recati alla sede, tra l’altro l’evento di ieri sera era anche ascoltabile in diretta su radio Smile.

I punti che ci sono sembrati più interessanti sono stati certamente quelli di voler creare un piano di manutenzione ordinaria. Riguardo alla raccolta differenziata l’idea guida è di creare un’isola ecologica e contestualmente un impianto di raccolta RAE, un impianto di selezione e un impianto di pesa per certificare ciò che effettivamente si produce: Rilancio e valorizzazione del Mercato settimanale. Riorganizzazione efficiente degli uffici comunali. Agevolare la tassazione su chi ristruttura la propria casa o costruisce migliorando l’efficienza energetica dell’edificio. La reintroduzione del trasporto pubblico scolastico. La soluzione definitiva del cimitero nuovo. Accessibilità a tutte le zone della città.

La notizia  principale è ormai il fatto che “La svolta” e “Noi Insieme Liberamente” molto probabilmente formeranno una lista unica per le prossime comunali, certo è che manca ancora lo scoglio della scelta del candidato sindaco.

SMAV: CONFERENZA STAMPA SUL BILANCIO DEI 5 ANNI AMMINISTRATIVI

Alfonso Piscitelli sindaco di Santa Maria a Vico ha tracciato ieri pomeriggio un bilancio dei suoi 5 anni in fascia tricolore prima di lasciare la poltrona di primo cittadino per concorrere a quella di consigliere regionale. Il primo risultato che riempie certamente d’orgoglio Piscitelli è quello di aver concluso il suo mandato alla scadenza naturale, “il secondo sindaco nella storia” repubblicana della città a giungere a questo risultato.

Certo il Sindaco non ha nascosto comunque le difficoltà, anche all’interno della maggioranza per arrivare a tale traguardo, difficoltà che secondo il sindaco non hanno impedito il realizzarsi di opere fondamentali come il secondo pozzo del Monticello che risolverà definitivamente i problemi di carenza idrica degli scorsi anni, a breve ultimato o il rifacimento del centro storico.

Altro motivo di orgoglio per il sindaco è di aver tenuto basse tutte le tasse rispetto ad altri comuni e nello stesso tempo riuscire ad avere un bilancio in attivo. Sul fronte ecologia e ambiente si è sostenuto che il comune “ha una percentuale del 67%” e soprattutto risultato importante l’uscita dal consorzio dei rifiuti, purtroppo esistono però siti ove è presente a determinate profondità tracce di metalli pesanti come in località Pezza e anche Cava Balletta va monitorata.

Ovviamente non ha senso riportare qui tutti i risultati elencati in quanto sarà a breve presentato un opuscolo con tutti gli obiettivi raggiunti da questa amministrazione. Ci riserviamo di leggere l’opuscolo per fare anche noi un bilancio di questi 5 anni.

Durante la conferenza stampa abbiamo chiesto quale sarà il suo “posto” per le prossime elezioni comunali e se avrà un ruolo da “paciere” in quanto da “rumors”pare che la maggioranza esca divisa in due anime da questa esperienza. Il sindaco Piscitelli c’ha risposto affermando “ Questa squadra ha fatto bene, una squadra che si spacca vuol dire che abbiamo lavorato male…per quanto mi riguarda lavorerò perché questo non accada, in quanto ha delle potenzialità intrinseche in quanto ha molto da dare ancora, il mio ruolo sarà quello di fare in modo che con una lista rinnovata si possa creare una compagine che possa affrontare al meglio la competizione elettorale”.

CONSIDERAZIONI PERSONALI SULLA SETTIMANA SUESSOLANA DAL 12 AL 18 GENNAIO 2015

Santa Maria a Vico, più che guardare alla settimana precedente sarà molto importante concentrarsi su questa settimana. Martedì il sindaco Alfonso Piscitelli formalizzerà la propria candidatura alle prossime elezioni regionali, e sarà il primo cittadino della Valle di Suessola a candidarsi. Sempre di Martedì “La Svolta” presenterà quello che già potrebbe definirsi il programma per le prossime elezioni comunali.

San Felice a Cancello, ennesimo cambio in giunta nell’amministrazione De Lucia, si dimette Giovanna Sepe per motivi personali ed entra Maria Lettieri (27 anni) che ha avuto la delega a pubblica istruzione, politiche giovanili, anziani e fasce deboli. Ormai però tutti si chiedono tra quanti giorni ci sarà un nuovo abbandono, forse il prossimo potrebbe essere proprio il Sindaco per la candidatura regionale.

Arienzo, una buona notizia per i ragazzi della scuola “Valletta” (forse), oggi finiscono queste lunghe vacanze natalizie, prolungamento dovuto alla sostituzione di una fatiscente caldaia. Sempre con riguardo alla scuola, il comune di Arienzo ha predisposto gli edifici scolastici di un allarme anti-intrusione collegato direttamente ad una società di vigilanza privata che assicurerà anche un servizio di ronda notturna.

Aprirà giovedì 22 Gennaio lo “Sportello Orientamento e Ascolto” che sarà rivolto prettamente ai giovani, ma in realtà a tutti coloro che hanno bisogno di mettersi o rimettersi in gioco nel mondo del lavoro. Non si tratta di un ufficio di collocamento ma bensì di un aiuto concreto nello stilare il proprio curriculum vitae facendo emergere le potenzialità che si hanno e affrontare al meglio le “strane” domande dei colloqui di lavoro evitando il naturale spaesamento. Questo sportello, hanno precisato il sindaco Davide Guida e il vicesindaco Assunta D’addio è non solo per i cittadini arienzani, ma per tutti i cittadini della Valle di Suessola. Tale progetto presentato ieri dal dott. Enzo Iovino (Sociologo) e dalla dott.ssa Antonella Iaderosa (psicologa) è stato presentato anche negli altri comuni ma solo Arienzo ha risposto positivamente. Evidentemente, aggiungiamo noi, negli altri comuni suessolani non è importante affrontare la crisi formando cittadini più consapevoli di se stessi, ma con l’elemosina personale di qualche amministratore e consigliere.

Cervino, aria di bufera nel piccolo comune suessolano, l’opposizione Forza Cervino, chiede attraverso pubblico manifesto, le dimissioni del vice sindaco e Assessore all’Ecologia di Biagio Di Nuzzo, l’accusa secondo l’opposizione è per l’acquisto, fatto dalla moglie del vice sindaco, di un auto di grossa cilindrata per una irrisoria cifra da un titolare della ditta di raccolta di rifiuti, che opera nel comune di Cervino, senza una regolare gara d’appalto.

Certo è che in Valle di Suessola essere Vice Sindaco e allo stesso tempo assessore all’Ecologia non porta benissimo.

SMAV: ESISTE UN GIOIELLO.

E’ recente la notizia diffusa dall’associazione “Civiltà 2.0 cambiamenti necessari” di fondi erogati dal “Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo” per la Biblioteca Sant’Eugenio de Mazenod che serviranno per l’aumento dell’ampiezza delle scaffalature. Esiste una convenzione da poco più di un anno tra l’associazione Civiltà 2.0 e i missionari Oblati e già arrivano i primi rosei risultati. La Biblioteca è un piccolo gioiello che racchiude ben 50 mila volumi alcuni dei quali delle vere rarità, basti pensare a un frammento di un codice medievale in scrittura beneventana a due incunaboli del tipografo Mattia Moravo, che fu tra i primi a introdurre la stampa a Napoli; da una edizione della Divina Commedia stampata a Venezia nel cinquecento ad un erbario del seicento,dagli autografi di Sant’Alfonso de Liguori  e tantissimo altro.

Non solo! L’associazione Civiltà 2.0 attiverà un laboratorio di restauro del libro antico.

Il punto è che, incredibilmente, della bontà e del lavoro di questa meritoria associazione e dei padri Oblati di Maria Immacolata se n’è accorto addirittura il Ministro dei Beni Culturali erogando fondi, mentre i politici locali, quelli che dovrebbero fare l’interesse della comunità ancora non si rendono conto o non voglio del piccolo gioiello che si sta sviluppando in Piazza Aragona. In realtà la sola Basilica Minore con i suoi capolavori e la sua storia basterebbe a creare attrazione turistica e lavoro. Gli amministratori santamariani che in questi anni mai hanno dato uno sguardo verso quell’antico monastero e la sua Piazza se non in termini di rinnovamento edilizio, non hanno speso un euro per la cultura, basta consultare il Bilancio di previsione 2014 alla voce Cultura e Beni Culturali per le spese in conto capitale anno 2014 è segnato un deprimente 0,0€.

La beffa poi è stata quella di definire una stanzetta con poche decine di libri “Biblioteca comunale”, pare che il nostro consiglio di definire la stanza, sala polifunzionale o centro-studi sia stata recepita, ci auguriamo che anche l’ente comunale se non in questo scorcio di attività, ma almeno con la prossima amministrazione possa davvero dare un contributo sia alla biblioteca sia alla basilica per far si di creare davvero i presupposti di un risveglio turistico ed economico, il lavoro poi vien da sé.