SFAC: I TESSERATI DI FRATELLI D’ITALIA CRESCONO IN CONSIGLIO MA IL SINDACO METTE I PUNTINI SULLE I.

Doverosa segnalazione da parte del sindaco di San Felice a Cancello Pasquale De Lucia in merito alla nuova PASQUALE DE LUCIAcompagine che si sta presentando in consiglio comunale: Fratelli D’Italia. Il sindaco attraverso il proprio profilo Facebook, precisa la posizione dei tre che si dichiarano di FdI. Per quanto riguarda Angelo De Rosa siede nei banchi della minoranza. Mentre Francesco Diglio e Clemente De Lucia: “pur essendo tesserato [il primo] al partito Fratelli D’Italia, ha chiarito, con nota ufficiale, di essere incondizionatamente vicino al sindaco De Lucia, senza costituzione di alcun gruppo. Al momento idem per il consigliere comunale Clemente De Lucia”.

Alcune considerazioni d’obbligo, innanzitutto pian pianino la maggioranza monocolore del NuovoCentroDestra pare si stia un po’ sbiadendo, ma anche la “neo”compagine in consiglio di Fratelli D’Italia sembra non nasca proprio bene, visto che si trova con alcuni “pezzi” in maggioranza e altri in minoranza, bisognerà quanto meno capire da che parte stare. Non solo è evidente che questo passaggio a FdI sembra, ma potremmo certamente sbagliarci (non siamo mica onniscienti!), siano dovute più a un creare un legame con Luca Alfredo D’Andrea in vista di scenari politici futuri, piuttosto che una vera e propria convinzione ideologica.

Pasquale De Lucia manda un promemoria per chi dentro e fuori la maggioranza sgomita per qualche seggiola: “Le elezioni comunali del 2013 sono state da me vinte attraverso la formazione di svariate liste civiche e, pertanto, unitamente alla mia squadra condividiamo un percorso nell’esclusivo interesse della crescita del territorio della comunità di San Felice a Cancello, non badando ai soliti giochetti di potere e di costituzione di gruppi, tesi ad avere esclusivamente posti di governo.
Chi vuole può continuare a sognare di fare l’Assessore.”

“La vita è un sogno? O sogni aiutano a vivere meglio?” (cit.)

SMAV: INIZIA LA SETTIMANA DELLO SPORT. CALCIO: A.C. MONTESARCHIO GIOCHERA’ A SMAV?

E’ cominciata la “Settimana dello Sport” in Santa Maria a Vico manifestazione che durerà tutta questa settimana, con Desporto-e-Entretenimentodavvero tante iniziative di carattere sportivo, ma non solo. Vi saranno i tornei di Beach Volley, street basket, ping pong, playstation, quest’anno sono previste delle novità come un torneo di Joga Bonito, un torneo di burraco, di bocce e il primo Grand Prix Kick Boxing. Anche per i più piccoli vi saranno degli intrattenimenti, come danza o joga e molto altro ancora. Un piccolo suggerimento per il prossimo anno, magari prevedere un torneo di scacchi che come dice un proverbio russo: “Si impara a conoscere bene la gente viaggiandoci insieme e giocando a scacchi”.

Altra interessante notizia di sport che riguarda Santa Maria giunge da Montesarchio, la dirigenza della squadra locale A.C.Montesarchio è in rotta con l’amministrazione comunale della città caudina per quanto riguarda la gestione dell’”Allegretto” e la società ha trovato un accordo per giocare il prossimo campionato di eccellenza al Torre di Santa Maria a Vico previo consenso della FIGC in quanto la struttura è fuori provincia.

ARIENZO: INAUGURAZIONE NUOVI LOCALI DELLA BIBLIOTECA E ARCHIVIO STORICO.

Inaugurazione della Biblioteca Comunale ad Arienzo ieri pomeriggio, il sindaco Davide Guida e la commissione formata da Pasquale M.M. Onorati, Mons. Francesco Perrotta, Don Gregorio Crisci, la preside Parisi, hanno illustrato ai presenti le potenzialità della nuova biblioteca e non solo.IMG-20150719-WA0002

Il sindaco ha voluto ribadire il perché dello spostamento dal piano superiore dei locali del comune a quello che era l’ufficio tecnico. Il nuovo posizionamento della biblioteca e dell’archivio storico porta a essere la stessa, non solo accessibile ai diversamente abili ma, la rende indipendente dai locali del comune potendo usufruire di una entrata indipendente. Infatti potrà essere aperta tutti i giorni dal Lunedi al Venerdì dalle 8:30 alle 13:00 e il pomeriggio dalle 15 alle 18:30 e pure il sabato mattina dalle 9 alle 13. “Abbiamo voluto far sì che la biblioteca sia un punto di riferimento per tanti studenti … noi vogliamo far sì che la biblioteca sia il centro delle attività culturale non solo di Arienzo ma di tutta la Valle”. Il sindaco ha voluto pure ringraziare i dipendenti comunali e gli l.s.u. per l’impegno profuso, ma anche la commissione per il lavoro assolutamente gratuito. Il sindaco ha annunciato che verrà creato un capitolo di bilancio che riguarderà la biblioteca.

In biblioteca attualmente ci sono 5500 libri –così l’avv. Onorati – e circa 400 tra buste e fasce di archivio, i libri occupano 190 metri lineari, l’archivio 60 metri lineari … La biblioteca è inserita nel polo bibliotecario gestito dalla biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli. E’ stata conclusa una convenzione con l’Università Federico II per tre anni rinnovabile, quindi è possibile fare il tirocinio universitario.” Onorati si è anche soffermato sull’importanza non solo della biblioteca, ma pure dell’archivio, infatti queste “carte vecchie” hanno consentito di chiudere una causa civile che durava da 80 anni!

Don Ciccio Perrotta si è soffermato sull’ultima “fatica” scritta “San Nicola Magno in Santa Maria a Vico, tra cui gli autori vi sono pure Onorati e don Gregorio Crisci. Don Ciccio va a sfatare alcune leggende che si sono formate intorno alla costruzione di questa chiesa, una di queste è che Sant’Alfonso durante la costruzione sia intervenuto personalmente per far sì che fosse costruita una chiesa più grande rispetto a quello che si stava facendo in quanto la gente sarebbe arrivata a frotte, pare che questo fatto non sia vero, ma semplicemente i due ingegneri che si occupavano della costruzione della chiesa avevano sbagliato i calcoli e quindi hanno dovuto rifare da capo. Altra leggenda da sfatare fu il fatto che il terreno su cui sorse la chiesa fu donato dalla famiglia Puoti, pare che pure questo sia falso, anzi non solo il terreno fu pagato profumatamente, ma pure l’ombra che la chiesa proiettava sulla loro proprietà.

Don Gregorio Crisci si è voluto soffermare sull’importanza della cultura, la quale: “è illimitata è immensa, la scienza non si ferma, dobbiamo essere pronti a recepirla … molte volte c’è chi dice: sono laureato, sono ingegnere, sono professore di lettere, avvocato, come se fossero arrivati, ma non sei arrivato sei solo all’inizio di un percorso … la cultura va sempre coltivata, l’amore per la cultura è amore per la verità, per il giusto, più cultura hai, più conosci, più sei libero.”

Interessante l’intervento della preside Parisi che ha “ripescato” la delibera che ha istituito la biblioteca in Arienzo la delibera n°20del 1984, ma soprattutto di ampio respiro e forse potremmo dire in controtendenza con il comune sentire, l’intervento a favore di uno scambio interculturale con gli stranieri presenti nel nostro territorio e la biblioteca può creare questo momento di crescita reciproca nel rispetto dell’identità e delle caratteristiche proprie culturali.

Abbiamo visitato i nuovi locali della biblioteca ed effettivamente è un luogo molto più accessibile e soprattutto indipendente e quindi ci si potrà gestire al meglio, effettivamente raggiungere la biblioteca nei locali vecchi non era difficile solo per i diversamente abili. Sulla gratuità diciamo una volte per tutte che secondo noi non è un valore, se si fa qualcosa che palesemente è a favore della comunità è giusto che sia abbia un corrispettivo, si spendono tanti soldi pubblici in cose inutili e a volte pure dannose, se si spendono per la collettività non è un furto è un fatto dovuto.

SFAC: ROGO DOMATO A SAN MICHELE, SI MOBILITANO TUTTI.

Intervento ieri su incendio a Sant’Angelo a Palombara (San Michele). Sono intervenuti prontamente la Polizia Municipale, Nucleo Comunale di Protezione Civile guidati dal Coordinatore Fabio Gagliardi, Polizia Provinciale, Servizio Antincendio Regione Campania, Società SMA, sono intervenuti due elicotteri inviati dal Corpo Forestale dello Stato su chiamata del sindaco Pasquale De Lucia. Fortunatamente tutto si è risolto per il meglio senza particolari conseguenze e in maniera rapida.11751879_402590286603278_2819623112000785446_n

Purtroppo in questi giorni la Campania sta avendo il record negativo per numero di incendi, in particolar modo sono colpite anche le colline suessolane. Non è certamente il caldo a creare questo problema ma l’incoscienza di alcuni. Appena un paio di giorni fa la forestale è dovuta intervenire su 60 roghi!

In qualche modo si prova a correre ai ripari ad esempio sono state creata delle app che possono essere d’aiuto nella segnalazione di incendi.

FOCUS GIURIDICO: DIFFERENZA TRA EVASIONE ED ELUSIONE FISCALE

Abbiamo assistito alla polemica tra il sindaco di San Felice a Cancello Pasquale De Lucia e l’esponente di spicco del m5s della stessa città Diamante Borzillo, lungi da noi entrare nella polemica, ma spieghiamo nei limiti del possibile cosa si intende per evasione e cosa per elusione, viste che queste erano le accuse che il primo cittadino ha mosso. Altro problema che pure in questi giorni tiene banco è la morosità per chi non paga la bolletta dell’acqua. Ovviamente proveremo a dare una spiegazione sperando di essere chiari, ma sappiamo che è difficile vista la materia complessa.

Diciamo in modo spiccio che l’evasione fiscale è il sottrarsi da parte del contribuente dal pagare i tributi allo stato o se vogliamo alla collettività. Ve ne sono tanti di tipi di evasioni, sembra ve ne siano ben 19! Soprattutto rilevante ai fini penali anche il quantum non viene devoluto. Non staremo ad elencare tutte e 19 le situazioni, ma grosso modo si va dalla dichiarazione fraudolenta, cioè falsificando la dichiarazione dei redditi o emettendo false fatturazioni o alterando le scritture contabili, si diceva che anche il quantum è importante nella configurazione del reato e quando la soglia minima viene superata scatta il reato e la relativa sanzione, che nel caso può arrivare pure a 6 anni massimo. Altro tipo di evasione fiscale penalmente rilevante è la dichiarazione infedele, che si differenzia dalla precedente per il fatto che la dichiarazione dei redditi seppur non  veritiera ma è senza un impianto fraudolento vero e proprio, la soglia minima anche in questo caso c’è ed è più alta della precedente, la sanzione è però già più bassa, il massimo è 3 anni di reclusione. Poi c’è la dichiarazione omessa, ovvero la non presentazione della dichiarazione dei redditi o anche dell’iva, in questo caso la reclusione è di 3 anni, ovviamente al superamento della soglia minima prevista dalla legge.

Per elusione fiscale, invece si intende nel mettere in atto un negozio o applicare la legge in modo più favorevole per pagare meno o non pagare il dovuto che altrimenti il soggetto sarebbe tenuto a fare; ecco detta così non si capisce molto, ma proviamo a fare un esempio: costituire una società al solo fine di sfruttare  la deducibilità fiscale dei costi alla propria persona che altrimenti non  si potrebbero avere, quindi avere  una minore tassazione rispetto alla persona fisica, senza il voler fare veramente impresa. Si piega la legge ai propri scopi, mentre con l’evasione si va contro la legge. Un caso famoso di elusione fiscale fu quello di Dolce&Gabbana che fece pure giurisprudenza con una famosa sentenza della Suprema Corte del 28 Febbraio 2012 n°7739.

Passiamo all’altra questione la morosità sulle bollette dell’acqua. Diciamo subito che il cittadino non paga attraverso la bolletta il consumo d’acqua, ma l’erogazione del servizio. Nel caso una bolletta non venisse pagata alla successiva scatta una mora, se più bollette non vengono pagate allora la società incaricata del servizio invierà un sollecito di pagamento, che deve contenere una data, se passata questa il debitore non adempie verrà inviata una diffida con termine di 20 giorni, passati questi giorni inutilmente si interrompe la fornitura. Il procedimento di distacco non dovrà però essere effettuato nei confronti di utenti a basso reddito garantendo comunque una fornitura minima.