In base al comunicato diffuso ieri si dice che: causa i continui assembramenti al parco De Lucia e la graduale ascesa dei contagi ha indotto il sindaco ad emettere un provvedimento restrittivo. Diciamo che magari, in piazza Falcone e Borsellino, sarebbe il caso che il comunicazioni istituzionali siano corrette, altrimenti tanto vale cambiare la toponomastica e ritornare al passato, ragazzi che come prima del covid, come durante, esagerano e si trascende spesso e volentieri in atti violenti o quantomeno contro la legge anche dopo le 22.

Qualche giorno fa è rimbalzata una notizia di ben 100 sanzioni comminate dalle forze dell’ordine.

Quello che non riusciamo a capire è come si possa dire, sempre nel comunicato, che la situazione è sotto controllo. La situazione tutto è tranne che essere tale, altrimenti non avrebbe senso questa ordinanza. Sarebbe meglio dire che si cercherà di arrivare ad avere la situazione sotto controllo.

Non lo avremmo mai detto, ma grazie covid se finalmente si comincia a elevare qualche multa e a scrivere qualche ordinanza in merito alle intemperanze, che spesso e volentieri si verificano in tale piazza.

Giusto per ricordare qualche cosina successa andando a memoria:

  • gennaio 2018 furto in centro scommesse
  • giugno 2018 spari di pistola
  • Settembre 2018, fatta esplodere bomba a scopo intimidatorio
  • Maggio 2019 aggressione a titolare bar
  • Settembre 2019 aggressione a una donna
  • Ottobre 2020: distruzione giostre
  • dicembre 2020 pescheria in fiamme
  • Gennaio 2021: rissa.

Per non parlare di qualche piccolo problema di spaccio, almeno a leggere dei giornali on line, che sembrano molto informati in merito.

E’ ovvio che ci sono cose che non possono evitarsi: impossibile prevedere che in quel particolare giorno ci potrà essere un furto o fatta esplodere una bomba o che un titolare di un bar venga aggredito, esistono le telecamere, speriamo funzionanti, bisogna sperare nella repressione. Ma è anche vero che ci sono casi evitabili, ci sta poco da fare non bastano solo le telecamere, che hanno una utilità dopo che il fatto è successo, bisogna pensare al prima e il prima significa vigili e carabinieri et similia sul posto! Perché basta una loro presenza, pure distratta, per evitare l’insorgere di certi problemi.

Non capiamo perché poi si decide di colpire tutte le piazze e gli esercenti in prossimità delle stesse per fatti che sono successi al “parco De Lucia”; si dirà per l’aumento dei casi covid, ma al momento, sebbene in leggera ascesa, sono comunque contenuti, altrimenti è meglio rimanere con una unica ordinanza restrittiva e pace a prescindere dal livello dei contagi.