Siamo imbarazzati noi per loro.

E’ da mesi che l’albo pretorio on line del comune di San Felice a Cancello non funziona! Non sembra tale problema essere di interesse né degli amministratori, né della confusa opposizione e nemmeno della prefettura.

Tutto il sito istituzionale fa abbastanza schifo, ma l’albo pretorio, che pure non era il massimo, è comunque uno strumento fondamentale e deve funzionare! L’albo è uno strumento importante per i cittadini per conoscere che cosa fa una giunta, un consiglio comunale, un dirigente, un assessore, il sindaco. Una volta, tanto tanto tempo fa, i cittadini per avere queste informazioni dovevano attivare tutta una lunga procedura se non addirittura recarsi fisicamente in municipio e cercare di scovare l’atto di cui aveva bisogno in una miriade di fogli e fogliettini inseriti in una bacheca.

Oggi, per legge, questa cosa non deve esistere, l’albo deve essere on line e funzionante, ecco perché parliamo di medioevo. Non solo gli atti devono essere facilmente consultabili e leggibili, ma anche scaricabili.

Ma il mancato funzionamento non è solo un problema di conoscibilità ma anche di efficiacia. Ci sono particolari atti, e sono tantissimi, che per avere efficacia hanno bisogno di un minimo di tempo di affissione, per conoscibilità, all’albo pretorio on line, senza, lo stesso atto non può produrre efficacia. Ora, siccome sono mesi che l’albo non funziona, ci chiediamo quanti atti rischiano di essere inefficaci per questo banale problema?

Non funziona pubblicare latto con l’utilizzo di pagine social come facebook in quanto questi social non hanno l’autorevolezza necessaria per rendere quell’atto “vero” anche se a pubblicarlo è il sindaco in persona.

Non capiamo il motivo per cui il comune di San Felice a Cancello abbia un sito istituzionale di merda e non capiamo il motivo per cui non si mette mano a riparare l’albo pretorio, siamo perplessi, anche perché spesso nei consigli comunali si utilizza da parte dei politici l’espressione “popolo” utilizzata ad mentulam canis visto poi che il popolo viene ignorato se non preso per i fondelli palesemente.

Vergognatevi!