Ringraziamo il sindaco di Arienzo -Giuseppe Guida- per averci dato una risposta che come nostro costume riportiamo integralmente senza commento.

Il commento del sindaco:

Abbiamo fatto lo sforzo di acquistare i tamponi per una apertura prevista il 7 gennaio, a nostro avviso comunque prematura, ma accettata, per avere un rientro in sicurezza dopo le feste e i vari banchetti. In accordo con la Preside abbiamo chiesto a tutti i genitori attraverso la dirigente scolastica di capire quante persone avrebbero fatto fare i tamponi ai propri figli e con dati certi, che potrei fornire, sappiamo classe per classe quanti bambini non sarebbero venuti e stesso discorso con le tutte le scuole private presenti sul nostro territorio. La percentuale è di circa il 50% sia per l’infanzia e sia per le primarie. Un dato basso rispetto a quanto avevamo immaginato, ecco perché abbiamo rimandato l’apertura e anche lo screening, in quanto lo screening ha senso se lo fai in prossimità dell’apertura.
Abbiamo rimandato l’apertura direttamente al 25 Gennaio per capire come si muoverà la curva dei contagi in questi giorni, che noi aggiorniamo quotidianamente, conoscendo tutte le persone positive della nostra comunità. Ieri abbiamo avuto 4 casi positivi di 4 famiglie diverse cosa che non si verificava da un po’ e questo ci ha fatto definitivamente decidere sul rinvio, oggi abbiamo purtroppo un decesso per covid.
La settimana prossima, con molta serenità, faremo ulteriori valutazioni e si ci sono le condizioni non abbiamo problemi ad anticipare l’apertura rispetto al 25.
Le nostre ordinanze restrittive e forse anche impopolari fino ad oggi ci hanno dato ragione in quanto la curva ad Arienzo ha cambiato nettamente direzione e per adesso la situazione è sotto controllo. Ci siamo posti solo il problema delle festività ed abbiamo voluto capire. Se avessimo avuto una elevata risposta di adesione per i tamponi, avremmo fatto valutazioni su dati certi e strumenti validi. Per adesso per il bene della nostra comunità e dei nostri alunni abbiamo deciso di fare cosi. Giusto per ricordarlo lo screening effettuato alle attività commerciali ha evidenziato 5 positivi tutti asintomatici che se non avessero fatto il tampone avrebbero potuto, senza alcuna colpa, contagiare altre persone.