IL 26.12.2020 PUBBLICHEREMO IL SONDAGGIO PER VOTARE LA PERSONA DELL’ANNO DI VALLE DI SUESSOLA 2020

Si ritorna a giocare dopo la batosta subita contro la Lazio ma con la bella notizia del ribaltamento del risultato contro la Juventus e quindi si giocherà questa partita e vedremo come andrà a finire, due squadre certo non in salute, poi c’è anche il punto di penalizzazione recuperato.

Si rivede Demme in campo ed è una buona notizia, si rivede anche Insigne, non si vedono le maglie azzurre si continua a giocare con la divisa del Pescara. Infatti per lunghi tratti sembra vedere in campo la squadra abbruzzese.

Non un grande primo tempo da parte dei bianco/azzurri infatti le migliori occasioni sono di marca granata, dapprima con Verdi tira e para Meret in due tempi al 13′, dieci minuti più tardi è Belloti che sfiora il palo con un tiro insidioso, alla Zielinski per intenderci. Purtroppo si infortuna Demme poco dopo per una ginocchiata assassina di Bellotti non punita con il giallo.

Finisce il primo tempo con un Napoli lento, senza particolare verve. Non si capisce se manca la voglia o la volontà.

Il secondo tempo comincia peggio al 55′ Izzo lasciato solo di coordinarsi colpisce in qualche modo il pallone che sbatte sul terreno e per dispetto quasi entra nell’angolino.

Non c’è reazione, la partita continua sul solito canovaccio, fino alle sostituzioni che sbloccano il Napoli. Al 70′ entrano in un colpo solo Rui, Ruiz e Lloriente addirittura per Hysaj, Bakayoko e Petagna. Poco prima Lozano prende il posto di Politano.

La partita cambia, il Napoli attacca un po’ di più, ma sembra troppo tardi. Poi a tempo scaduto Insigne servito benissimo da Zieliski la mette dentro.

Finisce così, un’occasione persa contro l’ultima in classifica, il cammino di questa squadra rischia di essere davvero lungo e faticoso se Gattuso non riesce a trovare il bandolo della matassa.

Le pagelle:

Meret sv: non coinvolto, sul gol non può nulla e l’unica parata era un bel po’ telefonata.

Di Lorenzo 5,5: fa meno schifo del solito, ma non tanto da arrivare alla sufficenza.

Maksimovic 5: soffre Belotti, fa il possibile per contenerlo ma non ci riesce.

Manolas 6: se vogliamo pure lui soffre Belotti però cerca di impostare alla Kouliba non ci riesce ma almeno ci prova.

Hysay 6: ha delle colpe sul gol, però gioca in una posizione non sua, cerca di combattere in qualche modo, insomma ci mette cuore e in questa partita ci voleva questo.

(Rui 5,5): sostituisce Hysay dovrebbe essere la sua fascia, ma non riesce a portare quel qualcosa in più che ci si aspetterebbe,.

Bakayoko 5,5: stesso discorso fatto con la Lazio, è un giocatore questo che deve portare legna non gli si può chiedere di fare l’architetto, dopo l’uscita di Demme si smarrisce.

Demme 6: La sua presenza in campo si sente e il centrocampo tiene, esce per un fallaccio graziato dall’arbitro.

(Elmas 5,5): non è Demme, manco la sua ombra, prova a fare quantità correndo e correndo ma lo fa a vacante.

Politano 5,5: Non si capisce se sono stati bravi i difensori del torino a bloccarlo o è stato bravo a bloccarsi lui stesso, un giocatore involuto.

(Lozano 6): Bravo, lotta e carica gli avversari di falli e ammonizioni, un giocatore che ci piace tantissimo.

Zielinski 6: è quello che tira di più, quello che ci prova e non ci riesce, superlativo l’assist per Insigne.

Insigne 6,5: la solita partita inutile, con conclusioni irritanti, ma poi zielinski gli mette un pallone dorato davanti e per fortuna non spreca.

Petagna 5: Poco servito e quelle volte che gli arriva palla viene facilmente fermato dagli avversari.

Lloriente 5,5: Ben fermato dagli avversari, ma rispetto a Petagna ha la fortuna di giocare nel momento di pressione maggiore della squadra e quindi riceve più palloni, motivo che gli danno uno 0,5 in più.

Nota statistica: Insigne segna il gol n°71 in seria A e raggiunge Altafini e Higuain. Tenendo conto di tutte le competizioni è al gol n°95 ad una sola lunghezza da Careca.