DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI art.19:

Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.

CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UNIONE EUROPEA art.11:

Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.
La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati.

COSTITUZIONE ITALIANA art.21:

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Parlo in prima persona e faccio una comunicazione di servizio a tutte le amministrazioni comunali e in particolar modo a qualche politico o sedicente tale: non mi intimidisce nessuno.
Esprimerò la mia opinione ora, come nel passato, e se Dio vorrà, come nel futuro.

Quando ho cominciato a scrivere questo blog, oramai sono 6 anni, e perché mi so scocciato di vedere gente che fa politica a cazzo di cane.

Non scrivo per nessuno, non mi interessa se vengo letto o meno, scrivo per me, per la motivazione che ho appena espresso. Capisco che per chi ha velleità totalitarie ha difficoltà a capire un concetto come la libertà di opinione e a maggior ragione mi sprona a continuare. Sta gente può prendere centinaia e centinaia di voti, ma io mostrerò sempre la loro pochezza e inettitudine, come al contrario c’è chi capace fa più difficoltà ad affermarsi elettoralmente e io ne tesserò le lodi. Poi se c’è chi vuole leggere e capisce bene e chi no pace.

Sia chiaro che il mio è un blog politico non ho alcuna intenzione di essere obiettivo, io non lo sono e non lo sarò, io ho le mie idee politiche e mi batterò sempre per esse, lascio la obiettività a gente più professionale di me.

Le mie opinioni sono assolutamente personali, non sono infallibili, e come detto non sono obiettive, ma sono sempre indirizzate al “politico” e giammai alla “persona”, anzi nemmeno al politico, ma all’atto politico.

Non me ne frega niente se anch’io sono sbagliato, spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato;
coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco e al fin della licenza io non perdono e tocco,
io non perdono, non perdono e tocco!

Non mi fermerete mai.