Allora analizziamo la giornata di ieri che poi è quella fondamentale.

Prima però bisogna parlare dell‘assurda situazione in alcuni sezioni di Arienzo e Santa Maria a Vico. Ritardi ingiustificabili, che per quanto capiamo la difficoltà per le regionali, soprattutto per via del voto disgiunto, non è comprensibile per le comunali. Teniamo presente che ancora in questo momento in Campania per chiudere le regionali mancano due sezioni ancora e sono quelle di Arienzo.
Stesso discorso per le comunali di Santa Maria a Vico, non sappiamo quale sia stato il problema ma l’ultima sezione ha chiuso alle 21:46!

Analizziamo i risultati a mente fredda.

Facciamo i complimenti ad Alfonso Piscitelli, non solo per essere stato eletto, ma ancora una volta per la capacità sovraumana di “sentire” dove soffia il vento. Appena qualche mese fa Piscitelli dopo aver avuto porte chiuse alla Lega bussa a Fdi che lo accoglie a braccia aperte. Noi ipotizziamo che l’idea dei capoccioni casertani del partito era quella di usare Piscitelli per portare voti e favorire Cangiano. E’ successo l’opposto. Ora Fdi si ritrova con un consigliere regionale, fino a che lo stesso non fiuterà il vento soffiare a favore di una nuova compagine.
Telese arriva terzo in Italia Viva, e forse sarà sorpreso lui stesso che abbia raccolto meno di quanto previsto. A nostro avviso è mancata la campagna elettorale in provincia di caserta, mentre Piscitelli ha coperto benissimo tutta la provincia. Lo dicono i numeri. Telese esce da Valle di Suessola tenendo conto delle due maledette sezioni di Arienzo, con un la bellezza di 4000 mila voti circa, ma non raccoglie quasi nulla in prov. di caserta. Piscitelli invece esce dalla Valle con un circa 2000 voti, ma ne raccoglie più di 3000 su tutta la provincia.

Male, bisogna tenerne conto, Davide Guida. 2000 voti circa sono troppo pochi. Non ha pagato certo lo spostamento di partito, poi proprio con quello di Mastella cui l’ex sindaco non ha mai riservato parole dolci, ancora poi il ritrovarsi con due schicciasassi come Piscitelli e Telese. Mettiamoci che poi era alla prima esperienza. Però se è vero che è andata molto male è anche vero che Guida può in questi 5 anni che si è fatto conoscere continuare a coltivare, per poi essere meglio preparato tra 5 anni.

Passiamo alle comunali.

Arienzo. Paese spaccato in due. Appena 67 voti di differenza a favore di Giuseppe Guida. Il quale corona il sogno di una vita.
Questa è una vittoria da ascrivere tutta alla forza politica di Giuseppe Guida, infatti la lista di Vincenzo Crisci era più forte sulla carta e lo ha dimostrato poi nei fatti:

  • Voti Candidati Ricoloriamo: 2791
  • Voti Terra Mia: 2823

Questo dato dà anche una certa sicurezza amministrativa a Guida in quanto se qualcuno dei neo eletti esce con la testa fuori dal sacco dicendo: senza me non avresti la fascia … Basta presentargli questo dato. Le elezioni le ha vinte Giuseppe Guida. Il quale ha avuto la capacità di dettare l’agenda, vedi caso scuola superiore.

Passiamo a Santa Maria a Vico. Che Pirozzi fosse riconfermato lo si sapeva, che vincesse con ampio margine lo si sapeva, ma che vincesse con quel margine, decisamente no. Noi pensavamo che Città Domani conseguisse un risultato tra il 45% e il 55%, ma qui abbiamo sfondato il 70%! Teniamo presente che sindaco e vicesindaco non hanno potuto fare campagna.

La squadra era sulla carta molto forte e lo ha dimostrato.

Tra i consiglieri bisogna segnalare la incredibile performance di Biondo oltre 1500 voti e poi Grieco alla prima avventura con 673 voti! In negativo sorprende l’esclusione di Iaia con appena 288 voti, evidentemente questo passaggio alla lega non è piaciuto, poi anche Iadaresta che sebbene aumenti il consenso rispetto a 5 anni fa con 375 voti è fuori.

Sorride anche Pasquale Crisci che ottiene ben 3 consiglieri, grazie ai resti, e arriva secondo, con una lista creata in 48 ore stacca sensibilmente ben due partiti nazionali. Lo scopo era il seggio per conservare quello provinciale, adesso di ritrova con il peso dell’opposizione.

Sorride anche il Movimento 5 Stelle, con una lista incompleta, piena di giovani riesce a conquistare un seggio.

Male Fdi. Pensavamo arrivassero facilmente secondi, non solo non è accaduto, ma il risultato comunale non rispecchia quello regionale, qualcuno dovrebbe fare qualche riflessione.

Noi facciamo i complimenti a tutti e un augurio di buon lavoro agli eletti.