E alla fine pure cala il sipario sull’amministrazione Guida II.

Avviene il calo del sipario in un modo curioso del tutto irrituale, con una maggioranza che sfiducia il suo sindaco, ma più per questioni di ordine tecnico, arrivare in tempo al voto di settembre, che non di ordine politico.

Una perdita di tempo a nostro avviso e rischiosa.

Bastava andare dal notaio e dimettersi in massa dopo l’approvazione del puc.

Anche perché si è arrivato all’imbarazzante -a nostro avviso- astensione dal voto del sindaco, oltre ad offrire il fianco all’opposizione ad attacchi politici sull’operato di questi anni. Che però quest’ultimo punto non sembra ci sia stato, al massimo si è sindacato, da parte di Nicola Zimbardi, che questa sfiducia è in pratica una sorta di piano di B dopo il naufragio del piano sulla decadenza.

Giuseppe Guida invece ha elogiato il senso di responsabilità della maggioranza che ha evitato un lungo commissariamento.

Ora si attende solo l’ufficialità da parte del prefetto che porti in Valle di Suessola il secondo comune al voto dopo Santa Maria a Vico.

Intanto questa la dichiarazione di Davide Guida qualche momento prima del consiglio comunale rilasciata sulla sua pagina fb:
Gli ultimi istanti nell’ufficio del sindaco. Devo ammetterlo, tutto ciò mi mancherà, ma so che un’altra sfida mi aspetta e avrò ancora la possibilità di servire anche la mia comunità e lavorare per la mia piccola Arienzo insieme a tutti i comuni della Campania.


SPAZIO ELETTORALE 2020

ELEZIONI REGIONALI 2020: