Apprendiamo con un certo stupore di una diffida dei consiglieri di minoranza di Cervino nei confronti del sindaco e presidente del consiglio comunale per un consiglio comunale urgente da tenersi il giorno 13.03.2020.

In verità non è la diffida che ci sorprende, ci può stare, ma il fatto che il presidente del consiglio comunale di Cervino non abbia ritenuto di dover far svolgere il consiglio comunale a porte chiuse. Ci sarebbe sta cosa dello “Stai a casa” non sappiamo se a Cervino la notizia è arrivata.

Tra l’altro sorprende il fatto che per alcuni di quei punti non vi è bisogno della convocazione urgente, infatti, se questa urgenza è giustificata dalla discussione sul Coronavirus non lo sono i punti come il Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare per il triennio 2020-2022; oppure la Verifica di aree e fabbricati destinati a residenza ecc. ecc.; soprattutto poi l’importante: approvazione del regolamento urbanistico edilizio comunale.

Sono proprio urgenti questi punti!? Non ci sembra proprio, e seppur avessero delle scadenze, siamo in periodo di bilancio in tempi normali, si potrebbero benissimo spostare dopo il 3 Aprile.

Certo questo non significa che i consigli comunali vadano completamente sospesi, sebbene qualche comune in Italia abbia agito in tal senso, in quanto il consiglio comunale rappresenta le istituzioni e mai come in tempi di emergenza queste devono funzionare. Certo però con delle accortezze, lo stesso Parlamento si sta riunendo sebbene un giorno a settimana e con il numero minimo necessario.

Noi consigliamo al Presidente del Consiglio comunale alla luce della diffida della minoranza e soprattutto del decreto del presidente del consiglio di far svolgere il consiglio comunale a porte chiuse e con il minimo numero minimo di consiglieri, magari accordandosi con l’opposizione, per consentirne il corretto funzionamento eliminando i punti che “forzatamente” sono stati inseriti e mantenere quello sulla discussione generale sul Coronavirus.

Ma così giusto per limitare il contagio e dare l’esempio, le istituzioni sono chiamate anche a quello.

diffida 1Diffida 2