consiglio

Come abbiamo detto già ieri sempre in un articolo dedicato proprio al consiglio comunale di San Felice a Cancello divenuto “visibile” e conoscibile dopo il nostro articolo, non sappiamo se gli amministratori di San Felice siano sciatti o menefreghisti.

Non capiamo davvero come non si rendano conto che nell’amministrare una qualsiasi cosa, vuoi un comune, un condominio, un’azienda ecc. La forma di un atto è sostanza.

Come si può evincere da questo importante atto che è stato poi finalmente pubblicato all’albo pretorio, trattasi di convocazione. Si può notare che è mancante di data. E’ stato protocollato il giorno 21.01.2020 addirittura quasi una settimana dopo la capigruppo tenutasi il giorno 15. Perché tutto sto tempo? Non si sa. Ma sorvoliamo. Ora non essendoci una data dobbiamo considerare che il protocollo sia l’atto che porta a conoscenza e quindi a convocazione i consiglieri. Ebbene è scritto che il consiglio è in sessione ordinaria. Ora se è in sessione ordinaria significa che tra la convocazione ed il consiglio devono passare ben cinque giorni liberi, e quindi i giorni liberi sono tre, quindi ci si riunirà sabato contro lo statuto che appunto prevede questo tempo. I giorni liberi servono per dare ai consiglieri il tempo di informarsi e prendere anche provvedimenti in tempo utile prima del consiglio.

Se però si è commessi un errore nel scrivere ordinaria ma si intendeva straordinaria, coi tempi ci siamo in questo caso sono giusto tre i giorni liberi da rispettare, ma l’atto andrebbe rifatto comunque e quindi portando sempre la riunione di domani ad essere contro lo statuto.

Chiediamo dunque alla vice presidente che ha firmato l’atto: il consiglio di domani sarà a seduta ordinaria o straordinaria? Da quando si conteggiano i giorni liberi per la cinvocazione? Come mai l’iscrizione all’albo pretorio della convocazione è avvenuta il giorno 21 in pratica una settimana dopo la capigruppo?

Abbiamo una domanda pure per l’opposizione: vista la vostra inerzia e perché state ancora scioccati per la questione della mozione di sfiducia o per la prematura perdita del capo politico?