MANCANO 120 ORE AL PUNGIGLIONE D’ORO


A dar retta ai giornali ci siamo. Finalmente a San Felice a Cancello ci sarà una giunta. All’albo pretorio ancora non risulta. Il punto è che se le indiscrezioni che son date per certe, e diciamo che questi sono i giornali che dicevano che Ferrara era finito e la mozione di sfiducia sarebbe stata votata certamente, siamo davvero a un momento imbarazzante, ancora, della politica sanfeliciana.

prendere-in-giro

Infatti ricordiamo che il giorno 30 novembre i rimanenti tre della giunta Ferrara: Savino, Verlezza, Pignata si dimettevano, in pratica era la richiesta per cominciare a discutere con i dissidenti.

Ebbene se le indiscrezioni giornalistiche sono corrette siamo all’assurdo che i tre dimissionari, a questo punto per farsa, vengono riconfermati, con i nuovi innesti di Anna Bernardo e Giovanna Sepe. Quest’ultima ha già esperienza amministrativa essendo stata assessora con l’ex sindaco Pasqule De Lucia nell’ottobre 2013, riconfermata in agosto e poi nel novembre 2014, fino al gennaio 2015 sostituita da Maria Lettieri, fu quello un periodo dove le giunte si cambiavano al ritmo con cui noi ci cambiamo le mutande, un po’ come oggi, con la differenza che all’epoca si lavorava. Stiamo andando a memoria quindi se ci sbagliamo ce ne scusiamo e se ci dite dove correggiamo.

La cosa curiosa quindi che Giovanni Ferrara all’epoca in cui la Sepe fu amministratrice era all’opposizione e quante volte lo abbiamo sentito scagliarsi contro il sindaco dell’epoca e in particolare dell’amministrazione nelle sue varie giunte, forse non abbiamo mai sentito il tra parentesi dei suoi attacchi che non si rivolgevano alla Sepe.

Vabbè passi, ma che senso ha avuto il dimissionariamento dei tre assessori il 30 novembre per poi riconfermarli nuovamente? Ci pare una grandissima pigliata per i fondelli.

Ancora una volta si ha la spiacevole sensazione che si perda tempo per fare una gara a chi sputa più lontano che non ha alcun minimo senso.

Ora finalmente sembra fatta, per favore si cominci con il lavorare che qua di cose da sistemare ce ne sono tante.